Cittadini stranieri nel governo ucraino: il commissariamento è servito

Cittadini stranieri nel governo ucraino: il commissariamento è servito

Due società di ricerca del personale conosciute a livello mondiale hanno selezionato 24 candidati

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

“La Pedersen & Partners e Korn Ferry, due società di ricerca del personale conosciute a livello mondiale, hanno individuato 185 potenziali candidati, molti dei quali membri delle comunità ucraine in Canada, Stati Uniti e Regno Unito. Dopo i colloqui, 24 candidati sono stati riconosciuti come pienamente qualificati per servire negli uffici pubblici dell'Ucraina. Tuttavia, i loro nomi non sono stati resi noti finora", si legge sul Kyiv Post.
 
Il 27 novembre, il presidente ucraino Petr Poroshenko, intervenendo nel Consiglio dei ministri, ha proposto di modificare la leglislazione del Paese in modo da permettere a cittadini stranieri di ricoprire incarichi di governo.  
 
Secondo alcune indiscrezioni, uno dei 24 potrebbe essere Natalie Jaresko, cittadina americana, amministratore Delegato di Horizon Capital, un fondo di private equity.  Il sindaco di Lviv Andriy Sadovy, avrebbe consigliato la Jaresko, definendola "una vera patriota dell’Ucraina".

Laureata alla Harvard Kennedy School, Natalie Jaresko è arrivata in Ucraina nel 1992 come capo sezione economica negli Stati Uniti a Kiev. Nel 1995, era diventata una dipendente del Western NIS Enterprise Fund, sponsorizzato dal governo degli Stati Uniti. Subito dopo la rivoluzione arancione del 2004 la Jaresko ha fondato Horizon Capital che ha già accumulato circa 650 milioni didollari  beni, secondo il Kyiv Post. 
 
Il secondo nome, più di rilievo a livello internazionale è quello dell'ex presidente della Georgia, Mikhail Saakashvili, che potrebbe occuparsi del Dipartimento Anticorruzione. Tbilisi, che ha emesso un mandato di arresto per Saakashvili nell’agosto 2014, ha messo in guardia la dirigenza ucraina daun passo così frettoloso. David Kereselidze, il Ministro degli affari esteri della Georgia ha sottolineato che se l'ex-presidente o qualcuno della sua squadra fosse nominato al governo dell'Ucraina, ciò influenzerebbe negativamente le relazioni bilaterali tra i due Stati. Kereselidze ha sottolineato che Saakashvili e i suoi collaboratori sono stati accusati di reati gravi. Mikhail Saakashvili, che ha lasciato la Georgia subito dopo l’insediamento del presidente Giorgi Margvelashvili a novembre 2013, si trova ad affrontare diverse accuse, tra cui l'abuso di potere, uso eccessivo della forza contro i manifestanti e omicidio
 
E per concludere.. Kyiv Post riferisce che la Renaissance Foundation, la fondazione creata da George Soros in Ucraina, sponsorizza il processo di reclutamento di Kiev e avrebbe già pagato circa 82,200 dollari alle due società di selezione per la ricerca di professionisti stranieri per il governo ucraino. 
 
Va notato, termina il Kyiv Post, che attualmente le leggi ucraine non consentono ai cittadini stranieri di ricoprire incarichi pubblici. Pertanto, ai candidat dovrà essere concessa la cittadinanza ucraina.

Yuriy Lutsenko, il leader del Blocco di Poroshenko, ha confermato che tre cittadini stranieri, candidati per ricoprire un incarico nel Gabinetto dei Ministri ucraino hanno fatto domanda per ottenere la cittadinanza ucraina
 
 
 
 
 
 
 
 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti