/ Maidan a Roma per un giorno

Maidan a Roma per un giorno

 

Oggi personaggi di questo genere in Ucraina agiscono con la complicitÓ delle istituzioni e vengono celebrati come patrioti:


Due scriteriati ubriachi, peraltro extracomunitari. Qualcuno liquiderebbe esattamente in questo modo la descrizione dei due neofascisti ucraini poco più che ventenni che giovedì scorso hanno linciato un ragazzo indiano - in quanto indiano - e spaccato la faccia ad una loro concittadina colpevole di essersi immischiata in una faccenda che non la riguardava.




Benché ridondante, i due non hanno mancato di sottolineare la propria identità neofascista: un particolare omesso nella cronaca della grande stampa.

I due ucraini hanno riproposto su un vagone della Roma-Lido esattamente ciò che nel loro paese viene legittimato da anni di soprusi e violenze: un corso inauguratosi con il #Maidan del 2013 che affonda le sue radici in almeno due decenni di revisionismo e propaganda. Oggi personaggi di questo genere in Ucraina agiscono con la complicità delle istituzioni e vengono celebrati come patrioti: aggressioni come quella di giovedì scorso sulla Roma-Lido sono all'ordine del giorno e colpiscono le minoranze etniche, gli omosessuali, i giornalisti e gli oppositori.

Maurizio Vezzosi

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa