/ America Latina e Wikileaks: l'assalto sovversivo degli Usa. Il ca...

America Latina e Wikileaks: l'assalto sovversivo degli Usa. Il caso Bolivia

 

Il caso della Bolivia. Nel 2008 l'Ambasciata di La Paz si preparava al "dopo colpo di stato o alla morte del Presidente Morales"


 
All'inizio dell'estate scorsa, il mondo ha guardato con intrepida attesa la Grecia cercare di resistere all'ennesimo diktat neoliberale. Atene ha fallito e si è piegata. Dopo il referendum indetto dal governo di Tsipras sul programma di austerità, la Banca centrale europea ha ristretto la liquidità per le banche greche, aggravando la recessione, e, nonostante il voto popolare, la Germania e i creditori europei hanno sovvertito la democrazia e imposto la sottomissione totale alla loro agenda neo-liberale.


Negli ultimi 15 anni, tuttavia, un combattimento similare contro il neo-liberalismo è stato portato avanti da un intero continente, perlopiù al di fuori dell'opinione pubblica. Nonostante Washington ha cercato all'inizio di distruggere il dissenso, utilizzando le stesse tecniche subdole usate contro la Grecia, la resistenza dell'America Latina all'agenda neo-liberale ha avuto successo. Questa battaglia epica trova ora una ricostruzione completa attraverso il cablaggio dei documenti del Dipartimento americano grazie a WikiLeaks.  Alexander Main & Dan Beeton, nel presentare il loro libro The WikiLeaks Files: The World According to US Empire, offrono un'interessante ricostruzione su JacobinMag.
 
Il meo-liberismo, sostengono i due autori, è stato imposto in America Latina prima che il regime di Berlino, Bruxelles e Francoforte umiliassero la democrazia in Grecia. Attraverso la coercizione (le rigorose condizionalità dei “Chicago Boys”), gli Stati Uniti sono riusciti a diffondere l'austerità fiscale, la deregolamentazione, “il libero commercio”, la privatizzazione e la distruzione del settore pubblico nella regione a partire dalla metà degli anni '80.  L'esito fu simile a quello della Grecia: crescita stagnante, crescita della povertà, declino delle condizioni di vita per milioni e una serie di nuove opportunità per gli investitori internazionali e le multinazionali. La storia si ripete. 
 
All'inizio la ribellione contro questo sistema fu occasionale, spontaneo e non organizzato. Ma poi i candidati contro il regime neo-coloniale e neo-liberale iniziarono a vincere le elezioni e determinare uno shock per la politica estera americana. E, incredibile per come viviamo la politica in Europa, ad attuare le promesse elettorali di redistribuzione sociale e riduzione della povertà.
 
Dal 1999 al 2008, questi candidati hanno vinto le elezioni in Venezuela, Brasile, Argentina, Uruguay, Bolivia, Honduras, Ecuador, Nicaragua e Paraguay. Molta della storia degli sforzi del governo americano di sovvertire l'ordine democratico di questi paesi e imporre nuovamente il regime neo-liberale sono ora di dominio pubblico grazie al cablaggio di Wikileaks dell'ultima fase di George W. Bush e l'inizio della presidenza Obama. Supporto materiale e strategico, proseguono i due autori, è offerto ai gruppi di opposizione, alcuni violenti ed anti-democratici. I cablaggi dipingono anche un quadro vivido della Guerra fredda ideologica degli emissari americani e mostrano il chiaro tentativo di utilizzare le misure coercitive utilizzate recentemente contro la Grecia. 
 
E i media? I media fanno parte della strategia e non ne parlano chiaramente. 
 
 
Il caso emblematico della Bolivia di Morales
 
Alla fine del 2005, Evo Morales vinse le elezioni presidenziali con la promessa di riforma costituzionale, la garanzia dei diritti degli indigeni e una promessa di combattere povertà e neo-liberismo. Il 3 gennaio, due giorni dopo il suo giuramento, il neo presidente riceveva l'ambasciatore americano  David L. Greenlee, che non perdeva molto tempo: l'assistenza multilaterale Usa in Bolivia dipendeva dal “buon comportamento” del governo Morales. Più o meno come in una scena de Il Padrino: “[L'ambasciatore] ha dimostrato l'importanza cruciale dei contributi degli Stati Uniti in chiave internazionale finanziaria [sic] in cui la Bolivia dipendeva per la sopravvivenza, come ad esempio la Banca per lo sviluppo internazionale (BIS), la Banca mondiale e il Fondo monetario internazionale. "Quando si pensa alla BID, si dovrebbe pensare agli Stati Uniti", ha detto l'ambasciatore. "Questo non è un ricatto, è la semplice realtà."
 
Tuttavia, Morales non si piegò e andò dritto nel mantenimento delle sue promesse elettorali sulla regolamentazione dei mercati del lavoro, la nazionalizzazione dell'industria degli idrocarburi e intensificando la cooperazione con il nemico numero uno di Washington, Hugo Chávez.
 
In risposta a queste scelte di Morales, Greenlee suggerì un "menu di opzioni" per cercare di forzare la Bolivia a piegarsi alla volontà del suo governo. Tra questi: il veto di tutti i prestiti multilaterali in dollari, posticipare la riduzione del debito multilaterale in programma, scoraggiare i finanziamenti Millennium Challenge Corporation (che la Bolivia non ha mai ricevuto, nonostante sia uno dei paesi più poveri dell'emisfero) e tagliare il "sostegno materiale" per le forze di sicurezza boliviane.
 
Morales non si arrese e ridusse drasticamente la dipendenza della Bolivia su linee di credito multilaterali con il cappello del Tesoro americano. A poche settimane dal suo insediamento, Morales annunciava la decadenza del contratto di prestito con il Fondo scadenza. Anni dopo, Morales consigliava alla Grecia e altri paesi europei indebitati di seguire l'esempio di Bolivia e "liberarsi economicamente dal diktat del Fondo Monetario Internazionale." Purtroppo non è ancora stato ascoltato.
 
E il Dipartimento di Stato? Ha iniziato a rafforzare il suo controllo, suppoorto e finanziamento dell'opposizione boliviana. L'opposizione della regione Media Luna  ha iniziato a ricevere maggiore assistenza. Un cablaggio dell'aprile 2007 discute "dello sforzo maggiore di USAID per rafforzare i governi regionali come un contrappeso al governo centrale."
 
Un rapporto di USAID del 2007 affermava che il suo Ufficio di Iniziative di Transizione (OTI) "[aveva] approvato 101 borse di studio per $ 4066131 per aiutare i governi dipartimentali ad operare in modo più strategico." I fondi andavano anche a gruppi indigeni locali che erano "contrari alla visione Evo Morales 'per le comunità indigene. "
 
Un anno dopo, i dipartimenti di Media Luna erano in aperta ribellione contro il governo di Morales, chiedendo un referendum sull'autonomia, nonostante l'illegittimità dichiarata dalla magistratura nazionale, e sostenendo violente proteste che hanno ucciso almeno venti sostenitori del governo.
 
Era un tentativo di colpo di stato morbido in corso. La situazione si calmò solo sotto pressione da tutti gli altri presidenti del Sud America, che hanno emesso una dichiarazione congiunta di sostegno per il governo costituzionale del paese.
Ma gli Stati Uniti non si arresero e mantennero la comunicazione costante con i leader del movimento di opposizione separatista, e iniziarono a parlare apertamente di "colpo alle linee di gas" e "la violenza come una possibilità per costringere il governo a . . . prendere sul serio qualsiasi dialogo. "
 
Contrariamente alla sua postura ufficiale durante gli eventi di agosto e settembre 2008, il Dipartimento di Stato prendeva seriamente in considerazione la possibilità di un colpo di stato o l'assassinio del presidente boliviano Evo Morales serio.
 
Un cablaggio svela i piani dell'ambasciata Usa a La Paz: "[Il Comitato d'Azione Emergenza] si svilupperà, con [il Comando Sud degli Stati Uniti], come risposta immediata in caso di improvvisa emergenza, cioè un tentativo di colpo di stato o di morte del Presidente Morales", si legge il cavo.
 
Gli eventi del 2008 sono stati la maggiore sfida alla presidenza di Morales, e il momento in cui gli Usa sono stati più vicini alla sua destituzione.
 
Esportatori di demcorazia sempre in azione.

To be continued...
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa