"Gli eventi del Myanmar non sono un golpe militare" - esperta del MGIMO

Secondo la costituzione del Myanmar, le Forze armate sono garanti di elezioni libere ed eque nella Repubblica e gli eventi delle ultime ore non sono un colpo di stato militare, ma un tentativo di risolvere una crisi politica con "metodi legittimi, delineati nella costituzione del paese". Lo ha affermato Kseniya Yefremova, politologa dell'Università MGIMO, in un'intervista rilasciata a TASS.



"La decisione di introdurre lo stato di emergenza nel Paese è stata presa dopo che la commissione elettorale si è rifiutata di indagare sulle violazioni durante le elezioni di novembre, vinte dal partito politico Lega Nazionale per la Democrazia (Nld)", ha proseguito l'esperta.

LEGGI: Pino Arlacchi: Il Myanmar, l'ONU e l'occasione perduta della signora Aung San Suu Kyi

"La riluttanza del governo della NLD a esaminare le violazioni della legislazione elettorale, ampiamente documentata dagli osservatori, e il suo rifiuto di rivedere i risultati delle recenti elezioni hanno portato all'attuale crisi politica", ha proseguito Yefremova.

Secondo l'esperto, l'opposizione ha chiesto di occuparsi di tali violazioni, contattando sia il presidente, la commissione elettorale, il parlamento e la Corte suprema, ma non ha ricevuto risposta. "I militari hanno esaminato ogni istanza passo dopo passo, chiedendo indagini e riconteggio dei voti. Hanno proposto di riunire il Consiglio di difesa e sicurezza nazionale, cosa che l'amministrazione civile non ha fatto. Anche se era questo consiglio che poteva prendere decisioni politiche che potevano hanno permesso di evitare l'attuale stato di emergenza ", ha proseguito l'esperto.

"Il presidente ha rifiutato di reagire a una palese violazione delle norme costituzionali durante le elezioni e il conteggio dei voti. Pertanto, secondo i militari, è stato deposto legittimamente", ha spiegato Yefremova che ha concluso sottolineando come nessun partito politico abbia ottenuto un vantaggio a causa della crisi politica.

Le più recenti da GUERRE E IMPERIALISMO

On Fire

Conte e la mossa da scacco matto a portata di mano

  "Ho letto che in queste ore c'è una parte del Movimento che ha proposto una bozza di risoluzione che ci disallinea dall'alleanza della Nato e dell'Ue - dice il titolare della Farnesina da...

Vertice Brics. Il Sole 24 Ore annuncia il suicidio dell'occidente

  Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura...

«Ho visto con i miei occhi le bugie dei media occidentali», intervista al prof. Perinçek di ritorno dal Donbass

In un panorama mediatico e politico sempre più asfittico in Occidente, dove l’operazione speciale della Russia in Ucraina viene raccontata in modo unilaterale, l’intervista con il professor...

Pepe Escobar - Ora è il momento di sedersi, rilassarsi e guardare il declino dell'Occidente

  di Pepe Escobar – The Cradle   A Davos e oltre, la narrativa ottimista della NATO suona come un disco rotto, mentre sul campo la Russia sta accumulando vittorie che potrebbero far...

Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa