Un jet da combattimento SU-25 ucraino si è alzato in quota verso l'aereo malese MH17 il giorno della catastrofe. Mosca

Un jet da combattimento SU-25 ucraino si è alzato in quota verso l'aereo malese MH17 il giorno della catastrofe. Mosca

La Russia mostra le foto radar del dispiegamento di missili Buk nell'est

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


L'esercito russo ha rilevato un jet da combattimento SU-25 ucraino alzarsi in quota verso l'aereo malese MH17 il giorno della catastrofe.
Lo ha dichiarato il capo della Direzione Operazioni fondamentali del quartier generale delle forze militari russe, il tenente generale Andrey Kartopolov in una conferenza stampa a Mosca lunedì. "Ci piacerebbe ottenere una spiegazione del perché il jet militare stava volando lungo un corridoio dell'aviazione civile, quasi allo stesso tempo e allo stesso livello di un aereo passeggeri", ha affermato. "Il jet da combattimento SU-25  è dotato di missili aria-aria R-60 in grado di colpire un bersaglio a una distanza fino a 12 km di distanza". 
 
Il Ministero della Difesa russo ha chiesto ora a Kiev di spiegare perché il jet militare stava seguendo in volo il Boing civile. Lo riporta RT, che mostra al mondo le immagini mostrate dal ministero della Difesa russo.
 
La presenza del jet militare ucraino può essere confermata da riprese video effettuate dal centro di controllo Rostov. Al momento dello schianto MH17 un satellite americano stava volando sopra l'area di Ucraina orientale, secondo il Ministero della Difesa della Russia, che ha esortato gli Stati Uniti a pubblicare le foto ed i dati acquisiti nello spazio. Inoltre, prosegue Kartapolov, il veicolo si  è schiantato nella zona di funzionamento, dove erano presenti i sistemi dell'esercito ucraino semoventi a medio raggio terra-aria "Buk 'missili. 
 
I primi tre colpi che sono stati mostrati dal generale sono datati 14 luglio. Le immagini mostrano sistemi di lancio di missili Buk a circa 8 km nord-ovest della città di Lugansk, oltre a un veicolo semovente e due lanciatori, secondo il funzionario militare. Un'altra immagine mostra una stazione radar vicino a Donetsk. Mentre la terza immagine mostra la posizione dei sistemi di difesa aerea vicino a Donetsk, dove si può vedere chiaramente il sistema semovente, circa 60 unità di attrezzature militari e speciali. "Le immagini di questa zona sono stati effettuati anche il 17 luglio.



Bisogna notare che il lanciamissili è assente [dalla scena]. Il numero dell'immagine cinque mostra come il sistema missilistico Buk la mattina dello stesso giorno nella zona di insediamento Zaroschinskoe - 50 km a sud di Donetsk e 8 km a sud di Shakhtyorsk ", ha detto il Kartapolov 
 
Nessuna unità  Buk di difesa missilistica nella regione di Donetsk, cinque chilometri a nord della città di Donetsk: La questione che deve essere risolta è il motivo per cui il sistema missilistico è apparso nella zona controllata dalle milizie locali poco prima della catastrofe, ha dichiarato il generale nel proseguo della sua Conferenza. Le immagini scattate il 18 luglio mostrano che i sistemi missilistici hanno lasciato la zona dello schianto MH17 il 17 luglio. Kartapolov ha anche sottolineato il fatto che il giorno del disastro aereo, l'esercito dell'Ucraina ha aumentato l'intensità delle stazioni radar dei sistemi missilistici Buk.  



Ovviamente, se vi è la prova che sia così, oltre ai video su YouTube chiaramente made in Cia, sarebbe un altro durissimo colpo per la politica estera degli Stati Uniti.  L'opinione pubblica mondiale si aspetta un'indagine rapida e indipendente sulle cause del disastro aereo malese nello spazio aereo ucraino. Ora Kiev risponda in tempi rapidi alle accuse russe e soprattutto gli Usa mostrino le immagini satellitare di cui sono in possesso. Nel frattempo, l'inutile e vuoto frastuono della propaganda mediatica occidentale continuerà a spingere per un intervento...

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata di Paolo Maddalena "Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta? di Francesco Santoianni Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?   di Bruno Guigue Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

Russia-Occidente: uno scontro di civiltà?

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Apocalisse epidemica di Damiano Mazzotti Apocalisse epidemica

Apocalisse epidemica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti