/ Candidata alla presidenza degli Stati Uniti: Trump appoggia Al-Qa...

Candidata alla presidenza degli Stati Uniti: Trump appoggia Al-Qaeda in Siria

 

Gli Stati Uniti sostengono i terroristi di Al-Qaeda in Siria con il denaro dei contribuenti americani, rivela la candidato presidenziale Tulsi Gabbard.


Il noto giornalista nordamericano Glenn Greenwald, del portale web The Intercept, ha rivelato sul suo account Twitter di un'intervista che la candidata dei democratici ha concesso un'intervista, nella quale ha sottolineato che l'attuale governo degli Stati Uniti sostiene Al-Qaeda sul suolo siriano.
 
 

 
 
"Al-Qaeda ha attaccato l'11 settembre 2001 gli Stati Uniti, (ma) quando paesi come la Siria e la Russia parlano della necessità di un'operazione militare in corso contro Al-Qaeda in Idlib (nord-ovest della Siria), il governo ( USA) li avverte che, se lo fanno, li attaccherà. Questa posizione protegge la base di Al-Qaeda a Idlib", ha dichiarato Tulsi Gabbard.
 
Dopo aver rivelato che Washington finanzia questo gruppo terroristico con i dollari dei suoi contribuenti, la parlamentare statunitense ha anche denunciato le minacce degli Stati Uniti all'Iran, Russia e Siria, come paesi pionieri nella lotta contro i terroristi.
 
In precedenza, Gabbard aveva reso pubblico che il presidente del paese nordamericano, Donald Trump, e il suo vicepresidente, Mike Pence, sostenevano "Al-Qaeda e altri gruppi terroristici" in Siria.
 
La deputata ha considerato questa politica dell'Amministrazione Trump "un tradimento" del popolo americano, in particolare le vittime degli attacchi dell'11 settembre e dei militari che hanno perso la vita nella lotta contro Al-Qaeda.
 
Il magnate di New York già accusò nella campagna elettorale del 2016 la sua rivale democratica, Hillary Clinton, ex Segretario di Stato americano, per la creazione dell'ISIS.
 
In un video pubblicato lo scorso mese, Gabbard ha definito Trump "il fratello maggiore di Al-Qaeda e il suo più grande protettore in Siria" e ha criticato il sostegno fornito dagli Stati Uniti.
all'Arabia Saudita, "il più grande sponsor" di questa rete terroristica.
 
Fonte: The Intercept
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa