/ 'Conversando con Correa': Noam Chomsky

'Conversando con Correa': Noam Chomsky

 

"Gli Stati Uniti possono destabilizzare i governi, ma è più difficile per loro organizzare un colpo di stato militare, come hanno fatto per anni con impunità".



Intervenendo nella trasmissione su RT dell'ex presidente dell'Ecuador, "Conversando con Correa", il grande intellettuale nord-americano Noam Chomsky ha affermato che "nel sistema internazionale attuale il potere degli Stati Uniti come entità nazionale è diminuito", specificando che "sotto la presidenza di Trump è sempre più debole, meno efficace, il paese è all'interno disintegrato e sta perdendo l'autorità e il prestigio internazionale che potrebbe avere avuto prima".  





Uno dei tanti problemi affrontati durante l'intervista è quello della retorica di guerra tra gli Stati Uniti e Corea del Nord, che, a parere di Noam Chomsky potrebbero materializzarsi "facilmente" in una guerra dalle conseguenze imprevedibili. Per questo Chomsky auspica l'attuazione della proposta di Pechino. "E 'la proposta della Cina, che è stata sul tavolo per anni ed è stata sostenuta dalla Russia e la maggior parte dei paesi", spiega Chomsky, riferendosi al cosiddetto 'doppio congelamento': "la Corea del Nord gela lo sviluppo di missili nucleari e gli Stati Uniti eliminano la loro minaccia, in particolare le manovre militari vicino al confine della Corea del Nord." 


"Gli Stati Uniti possono destabilizzare i governi, ma è più difficile per loro organizzare un colpo di stato militare, come hanno fatto per anni con impunità". Con particolare riferimento all'America Latina, Chomsky ha dichiarato: "Il tempo in cui gli Stati Uniti avrebbero potuto rovesciare i governi è finito".  Riguardo al Venezuela, Chomsky ha ammesso che il paese "ha problemi molto seri", ma non crede che gli Stati Uniti "possono essere in grado di organizzare un colpo di stato o di attaccare militarmente quel paese".


Nella conversazione con Correa, infine, c'è stata anche una domanda sul cyber-attivista e fondatore di Wikileaks, Julian Assange, in asilo presso l'Ambasciata dell'Ecuador a Londra (UK).  "Nessuno può avere alcun dubbio in merito: se lascia la Ambasciata, finirà a Guantanamo.", ha concluso Chomsky.


Qui per l'intervista completa:

 

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa