Pakistan: la vittoria di Tahir-ul Qadri

Pakistan: la vittoria di Tahir-ul Qadri

Il governo di Ashraf firma un accordo con il clericale che aveva adunato migliaia di sostenitori davanti al Parlamento

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'imam di origini canadesi Tahir-ul Qadri ha raggiunto un accordo con il governo di Islamabad e sospeso la sua protesta iniziata giovedì contro la corruzione e per una riforma elettorale in Pakistan. "Mi congratulo con voi, è una vittoria del Pakistan. Dovremo andare a casa come uomini liberi,", ha dichiarato ai suoi sostenitori dopo l'accordo con il primo ministro Raja Pervaiz Ashraf . 
Qadri aveva portato migliaia di suoi sostenitori davanti al parlamento durante le negoziazioni con il governo iniziate giovedì, in cui chiedeva lo scioglimento dell'attuale governo e la formazione di uno di transizione, in cui elementi dell'esercito e del settore giudiziario potessero garantire quelle rifore necessarie per traghettare il paese ad elezioni libere.  Con una nota di giovedì a commento dell'accordo raggiunto con Qadri, il governo di Islamabad ha dichiarato di aver accettato a sciogliere l'Assemblea Nazionale e formare un governo di transizione nel marzo prossimo, dando tre mesi per la convocazione di nuove elezioni. 
Kamran Faisal, l'ispettore dell'agenzia anti-corruzione pakistana che si era occupato dell'inchiesta che ha portato all'ordine di arresto per corruzione del premier pakistano Raja Pervez Ashraf la settimana scorsa, è stato trovato morto ad Islamabad venerdì. Il 15 gennaio la Corte Suprema ha ordinato l'arresto di Ashraf per aver incassato tangenti mentre ricopriva la carica di ministro dell'Energia. 

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti