Premio Pulitzer Seymour Hersh: Hillary ha dato il via all'invio del gas sarin dalla Libia alla Siria

Premio Pulitzer Seymour Hersh: Hillary ha dato il via all'invio del gas sarin dalla Libia alla Siria

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 
Il grande giornalista investigativo Seymour Hersh, in due articoli pubblicati sulla London Review of Books ( "Di chi è il Sarin?" E "The Red Line e la Linea Rat") ha scritto che l'amministrazione Obama abbia falsamente accusato il governo di siriano Bashar al-Assad per l'attacco del gas sarin nl 2013. In realtà Obama stava solo cercando una scusa per invadere la Siria. Hersh ha fatto riferimento ad un rapporto dell'intelligence britannica dicendo che il sarin che è stato utilizzato non è venuto dalle scorte di Assad.
 
Il premio Pulitzer, sottolinea lo storico nord-americano Eric Zuesse che su Strategic Culture commenta queste posizioni di Hersh, ha anche scritto che è stato raggiunto un accordo segreto nel 2012 tra l'amministrazione Obama e i leader della Turchia, Arabia Saudita e Qatar, per impostare un attacco di gas sarin e dare la colpa a Assad per poi permettere agli Usa di poter invadere la Siria.
 
"L'accordo prevedeva il finanziamento dalla Turchia, dall'Arabia Saudita e dal Qatar, la CIA, con il sostegno del MI6, ha ottenuto le armi negli arsenali di Gheddafi e l'ha trasportati in Siria.", ha scritto.
 
Hersh non è l'unico giornalista a scriverlo. Anche il giornalista investigativo Christoph Lehmann titolava il 7 ottobre 2013 come "alti funzionari degli Stati Uniti e funzionari sauditi sono i responsabili delle armi chimiche in Siria" e ha riferito, sulla base di fonti molto diverse da quelle utilizzate da Hersh, che: "La prova conduce direttamente alla Casa Bianca, il presidente del Joint Chiefs of Staff Martin Dempsey, Direttore della CIA, John Brennan, e il capo dell'intelligence saudita, il principe Bandar, il ministero degli interni saudita”.
 
E, come se non bastasse, sottolinea correttamente Zuesse, anche l'analisi definitiva delle prove che è stato eseguito da due importanti analisti degli Stati Uniti, il rapporto Lloyd, ha concluso che: "L'interpretazione tecnica del governo degli Stati Uniti prima e dopo l'attacco 21 agosto non può assolutamente essere corretto".
 
Obama mentiva quello ormai lo sanno tutti coloro che di Siria se ne occupano con serietà. In Italia, molto pochi dunque.
 
Tuttavia, ora, per la prima volta, Hersh ha fatto delle accuse precise ad Hillary Clinton direttamente. In un'intervista con Alternet.org, ha parlato del funzionamento del consolato di Bengasi in Libia degli Stati Uniti come incaricato di raccogliere le armi dalle scorte libiche e inviarle attraverso la Turchia in Siria per la preparazione dell'attacco sarin da attribuire a Assad e giustificare l'invasione umanitaria. Stessa strategia utilizzata in Libia per eliminare Gheddafi. Hersh ha dichiarato: "L'ambasciatore che è stato ucciso era conosciuto, da quanto ho capito, di intralcio alla CIA. Come ho scritto, il giorno della missione c'è stato l'incontro con il capo della base della CIA e la compagnia di navigazione. Era certamente coinvolto, consapevole di quello che stava accadendo. E non c'è modo che qualcuno in quella posizione sensibile non sapesse di quel canale”.
 
L'intervistatore ha poi chiesto il motivo per cui Obama è così ossessionato da sostituire Assad in Siria, dal momento che "il vuoto di potere che ne deriverebbe avrebbe aperto la Siria fino a tutti i tipi di gruppi jihadisti"; e Hersh ha risposto che non solo lui, ma i capi del personale, "nessuno riusciva a capire perché". Ha detto: "La nostra politica è sempre stata contro di lui [Assad]". Questo è stato effettivamente il caso non solo da quando il partito di Assad, il partito Ba'ath, è stato oggetto di un accantonato CIA colpo di stato nel 1957 per rovesciarlo e sostituirlo; ma, in realtà, prima colpo di stato della CIA era stata non solo previsto ma è stato realizzato nel 1949 in Siria, rovesciare c'è un leader democraticamente eletto, al fine di consentire un oleodotto per il petrolio dei Saud per l'Europa; e, la costruzione del gasdotto ha iniziato l'anno successivo. Ma, ci sono stati poi un susseguirsi di colpi di stato fino all'ascesa al potere di Hafez al-Assad. 

Ma, scrive correttamente sempre Zuesse nel commentare questa risposta di Hersh, i Saud che possiedono la più grande azienda mondiale di petrolio, Aramco, non vogliono più aspettare. Obama è il primo presidente degli Stati Uniti ad avere seriamente cercato di svolgere il loro tanto desiderata "cambio di regime" in Siria, in modo da consentire l'oleodotto da fare con Qatar e Turchia.
 
Gli Stati Uniti è alleato con la famiglia Saud (e con i loro amici, le famiglie reali del Qatar, Kuwait, Emirati Arabi Uniti, Bahrain e Oman). La Russia è alleato con i leader della Siria - come in precedenza Mosca era stato alleato con Mossadegh in Iran, Arbenz in Guatemala, Allende in Cile, Hussein in Iraq, Gheddafi in Libia, e Yanukovich in Ucraina (i quali, tranne il partito Baath in Siria , gli Stati Uniti hanno rovesciato con successo).
 
Hersh, conclude Zuesse, si è sbagliato nel dire che "nessuno riusciva a capire perché" Obama è ossessionato dal rovesciare Assad e il suo Partito Ba'ath. Il lavoro che perseguivano è chiaro.

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Renatino è un crumiro infelice di Giorgio Cremaschi Renatino è un crumiro infelice

Renatino è un crumiro infelice

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa di  Leo Essen Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Il mondo delle Scommesse e dei soldi facili negli Usa

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo! di Roberto Cursi “L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti