/ "La guerra non è un incidente, né una fatalità, ma il risultato d...

"La guerra non è un incidente, né una fatalità, ma il risultato di un sistema economico predatorio e ingiusto"

 

Il Tribunale Permanente Contro la Guerra Imperialista e la NATO terrà la sua prima seduta costitutiva a Madrid il 16, 17 e 18 ottobre 2015


I mezzi di informazione ci fanno credere che le guerre sono sempre fuori dai nostri confini, che nulla possiamo per fermarle, che non esistono responsabili e se ci sono, rimarranno impuniti.
 
La realtà è che, in un mondo globalizzato, nessuno è estraneo alle guerre e le persone hanno il dovere morale di farsi testimoni di quanto accade. Come detto B. Russell sulla guerra in Vietnam, “Il nostro scopo è quello di rendere l'umanità testimone di questi crimini terribili e unire le persone dalla parte della giustizia "(Seconda Sessione del Tribunale Penale Internazionale, Novembre 1967).
 
Oggi, sono in atto almeno 31 conflitti armati e l'ignoranza non giustifica la nostra passività. Dalla Seconda Guerra Mondiale, le guerre hanno prodotto 16 milioni di morti. Il 90% delle vittime di oggi sono civili e, fra queste, il 75% sono donne e bambini. Il 2014 è terminato con 51,3 milioni di sfollati.
 
I paesi e le coalizioni occidentali sono stati la causa indiscussa di questa guerra globale e rappresentano la maggior minaccia per la pace.
 
Il Forum contro la Guerra Imperialista e la NATO nasce da un'iniziativa dell'Alleanza degli Intellettuali Antimperialisti con lo scopo di organizzare sessioni di discussione e analisi sulla guerra, che dovranno sensibilizzare e stimolare la mobilitazione sociale contro le manovre militari della NATO, le più imponenti dalla Seconda Guerra Mondiale, che si terranno a Gibilterra nel mese di ottobre di quest'anno.
 
Dopo un anno di lavoro i partecipanti al Forum: intellettuali, attivisti, organizzazioni politiche e sociali, hanno deciso di convocare la prima riunione costitutiva del Tribunale Permanente Contro la Guerra Imperialista e la NATO.
 
Siamo convinti che la guerra non sia un incidente, né una fatalità, ma il risultato di un sistema economico predatorio e ingiusto, basato sullo sfruttamento e lo sterminio, e che nessuno possa restare indifferente.
 
Facciamo appello a tutte le organizzazioni sociali, gruppi e individui che desiderano partecipare alla stesura di una dichiarazione contro la guerra e a favore di una cultura non bellicista da diversi ambiti e punti di vista, per contribuire alla creazione e allo sviluppo del Tribunale Permanente Popoli contro la Guerra Imperialista e la NATO.
 
Il Tribunale terrà la sua prima seduta costitutiva a Madrid il 16, 17 e 18 ottobre 2015. Il nostro primo atto sarà quello di denunciare le esercitazioni NATO che si terranno a Gibilterra proprio in quel periodo.
 
Condizioni di partecipazione:
 
   1. Obbiettivi
 
Il Tribunale Permanente contro la Guerra Imperialista e la NATO vuole essere un osservatorio sulle guerre, comprenderne cause, conseguenze e responsabilità. Al tempo stesso sarà un'occasione per creare un archivio della memoria e della resistenza dei popoli contro la barbarie e la guerra.
 
La guerra non è solo l'intervento armato, ma anche la sottomissione forzata, che avviene attraverso l'economia e la politica, con la quale si impedisce ai popoli di esercitare la loro sovranità. Pertanto il Tribunale si prefigge di formulare e diffondere una condanna sociale e politica della situazione creata dagli interventi militari.
 
Gli obbiettivi concreti sono:
 
Riunire quante più persone di organizzazioni sociali, politiche, sindacali e movimenti nella condanna alla guerra e ai suoi strumenti.
Documentare e contribuire alla promozione di azioni legali da intraprendere per porre fine all'impunità dei responsabili delle guerre.
Contribuire allo sviluppo di una coscienza sociale contro le guerre.
Mostrare come le guerre, così come altri grandi temi che determinano le nostre vite, restano fuori dal dibattito e dalle decisioni delle popolazioni.
Mettere in guardia circa la costante escalation bellica, l'aumento delle guerre e delle loro vittime, della crudeltà e della sofferenza inflitta alle persone più vulnerabili.
Contribuire alla mobilitazione dei popoli contro le guerre imperialiste e le loro conseguenze.
 
   2. Chi convochiamo:
 
Convochiamo tutte le persone appartenenti a gruppi e organizzazioni sociali che desiderino partecipare alla stesura di una dichiarazione contro la guerra e a favore di una cultura non bellicista da diversi campi e punti di vista.
 
Tutti coloro che vogliono essere testimoni o testimoniare crimini di guerra.
 
   3. Iscrizioni e modi di partecipazione alla prima sessione del Tribunale Permanente:
     
Il Tribunale sarà organizzato in gruppi di lavoro tematici ai quali si può partecipare di persona, in videoconferenza o con delle dichiarazioni.
 
Le organizzazioni o persone interessate dovranno mettersi in contatto con il gruppo organizzativo attraverso l'indirizzo di posta elettronica: tribunalcontralaguerra@gmail.com
 
Le organizzazioni e le persone interessate possono presentare proposte, indicando una o più aree tematiche alle quali desiderano partecipare; possono altresì suggerire nuove aree tematiche o chiedere un ampliamento dei temi già proposti.
 
Nella richiesta di partecipazione deve essere specificato in quale forma si desidera partecipare: di persona, in videoconferenza o mediante una comunicazione scritta, audio o video.
Così come dovrà essere specificata la disponibilità a far parte di qualche gruppo di lavoro.
 
Il termine ultimo per le proposte di partecipazione è il 4 settembre e l'11 settembre verrà annunciata la lista definitiva dei gruppi di lavoro.
 
Abbiamo istituito una segreteria che avrà il compito di informare, ricevere le proposte, creare gruppi di lavoro su aree tematiche, assegnare lavoro e proposte ai diversi gruppi, coordinare e occuparsi della logistica e lo svolgimento dell'incontro.
 
Le informazioni sulle aree tematiche e la composizione dei gruppi di lavoro verranno pubblicati nel blog del forum contro la Guerra Imperialista e la NATO (https://forocontralaguerra.wordpress.com/) a partire dall'11 settembre.
 
A partire da quel momento, le organizzazioni e le persone che si sono iscritte dovranno inviare, all'indirizzo mail sopra indicato, da una a tre pagine pagine contenenti la sintesi del proprio intervento (riflessioni, commenti, informazioni, proposte...) e l'indicazione dell'area tematica a cui desiderano iscriversi. Ciò dovrà pervenire alla segreteria del Tribunale entro e non oltre il 25 settembre.
 
Dieci giorni prima della costituzione del Tribunale, tutti i partecipanti riceveranno tutti i testi che si presenteranno e dibatteranno in ogni Gruppo di Lavoro.
 
4. Prima proposta di Aree tematiche:
 
1.- L'economia e gli interventi militari.
2.- La guerra e i mezzi di comunicazione.
3.- La guerra e la violenza.
4.- La guerra e le leggi.
5.- La violenza contro le donne, arma di guerra.
6.- Il ruolo del capitale finanziario nello scatenarsi dei conflitti.
7.- Diversi ambiti e modalità di resistenza.
8.- Il dramma degli sfollati e la sofferenza dei popoli.
9.- L'arte e la cultura nella resistenza alla guerra.
 
5. Svolgimento delle sessioni del Tribunale il 16, 17 e 18 di ottobre.
 
La segreteria del Tribunale che organizzerà i diversi Tavoli di lavoro per le Plenarie e le sessioni di ogni Gruppo di Lavoro, fornirà ai partecipanti tutta la documentazione pertinente.
Per ogni Gruppo di Lavoro vi saranno una o due persone responsabili incaricate di diffondere il materiale e stabilire i contatti fra i membri del proprio gruppo. Si nominerà un relatore che riassumerà quanto esposto e dibattuto nella sessione Plenaria.
Il giorno 16 nel pomeriggio si terrà la sessione di inaugurazione e costituzione dei Tavoli per Gruppi di lavoro e Plenaria.
Nel pomeriggio del 16 e nella mattinata del 17, si terranno le sessioni dei vari Gruppi di lavoro o Tavoli tematici. Ogni gruppo di lavoro preparerà una sintesi del proprio operato, ivi comprese le conclusioni in forma di analisi e proposte, che sarà presentata dal relatore alla Plenaria il 17 nel pomeriggio.
La prima sessione Plenaria del pomeriggio del 17 avrà lo scopo di integrare e dare coerenza alle diverse valutazioni e proposte dei gruppi di lavoro. Il risultato della prima seduta Plenaria sarà la base del primo documento della Dichiarazione finale.
La mattina del 18, i relatori dei vari gruppi di lavoro, prepareranno un documento di sintesi delle conclusioni della prima sessione Plenaria e lo sottoporranno ad una seconda sessione Plenaria per l'approvazione finale. Quest'ultimo documento costituirà la dichiarazione finale del Tribunale Permanente dei Popoli contro la Guerra Imperialista e la NATO.
 
6. Diffusione delle conclusioni del Tribunale Permanente dei Popoli contro la Guerra Imperialista e la NATO
 
Si solleciterà l'adesione di personalità ed organizzazioni alla dichiarazione finale del Tribunale.
 
Tutta la documentazione contenente informazioni rilevanti relative alla guerra, così come i documenti prodotti durante lo svolgimento delle riunioni del Tribunale, verranno ospitati in un archivio disponibile all'uso libero nel blog Forum contro la Guerra Imperialista e la NATO 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
  
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa