Si suicida un altro dirigente della Deutsche Bank

Si suicida un altro dirigente della Deutsche Bank

Tante le similitudini con il caso di William Broeksmit, suicidatosi lo scorso gennaio

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Era il 26 gennaio quando William Broeksmit, un ex dirigente della Deutsche Bank, è stato trovato morto nella sua casa dopo un apparente suicidio a South Kensington.
Con quello di Broeksmit si era arrivati a 11 suicidi nel giro di qualche mese nel mondo dell'alta finanza.
 
Durante l’estate questa tragica serie di morti sembrava essersi interrotta ma ecco che la scorsa settimana si apprende del suicidio di Thierry Leyne, un imprenditore franco-israeliano, partner dell’ex capo del FMI, Dominique Strauss-Khan, con cui l'economista ha dato vita a un fondo d'investimento da 2 miliardi di dollari. Leyne si è suicidato a Tel Aviv buttandosi dal 23° piano di una delle Torri Yoo, un prestigioso complesso residenziale. 
 
Poche ore dopo la notizia della morte di Leyne, il WSJ ha riferito che un altro veterano della Deutsche Bank si è suicidato, e non un funzionario qualunque, ma il Managing Director e Associate General Counsel della banca, Calogero "Charlie" Gambino, 41 anni, che è stato trovato impiccato la mattina del 20 ottobre a New York.
 
Come promemoria, l'altro dirigente della Deutsche Bank che è stato trovato morto all'inizio dell'anno, William Broeksmit “era ansioso perché varie autorità stavano investigando sulle attività della banca dove lavorava", stando alla testimonianza scritta del suo psicologo ripresa dal WSJ. Ora che un simile suicidio per impiccagione è avvenuto tra i vertici dell’importante banca europea, e di una persona che ricopriva una posizione quasi identica, le coincidenze solleveranno molte domande. 
 
Il WSJ riporta che Gambino era "coinvolto in questioni legali per la Deutsche Bank, tra cui la manipolazione del London Interbank Offered Rate, o Libor, e indagini in corso nella manipolazione dei mercati delle valute”.
 
Gambino ha iniziato la sua carriera presso la SEC stessa dove ha lavorato tra il 1997-1999.



Tornando al suicidio di Broeksmit, al momento dell'apertura dell'inchiesta sulla sua morte, la banca ha tenuto a precisare che l’ex dirigente "non era sospettato di alcun illecito" .Al momento della morte di Broeksmit, i dirigenti della Deutsche Bank hanno anche inviato una promemoria per il personale sostenendo che Broeksmit "era considerato da molti dei suoi colleghi tra le migliori menti in materia dirischi e di gestione del capitale".  Broeksmit aveva lasciato un ruolo di primo piano presso la Deutsche Bank nel febbraio 2013, ma era rimasto come consulente fino alla fine del 2013.  
 
Tuttavia un filo conduttore tra Broeksmit e alcuni illeciti commessi dalla banca è stato scoperto all'inizio di questa estate, quando il Wall Street Parade ha riferito che il nome dell’ex dirigente della Deutsche Bank era emerso nel corso di un’audizione dei vertici della banca alla Sottocommissione permanente di indagine del Senato americano.

Al momento i motivi della morte di Gambino restano ignoti. 

Ciò che invece è noto, e che ZeroHedge non smette di ricordare, è che il gigante europeo, la Deutsche Bank vanta la maggiore esposizione in derivati di qualunque istituto americano, vale a dire oltre 75 trilioni di dollari (5 volte il Pil europeo)    

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan... di Francesco Santoianni Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Quello che non vi dicono sull'Afghanistan...

Il marcio del finto sindacato viene alla luce di Savino Balzano Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Il marcio del finto sindacato viene alla luce

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico di Pasquale Cicalese Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

Il Reddito di cittadinanza e la distruzione del lavoro pubblico

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo di Gilberto Trombetta Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

Privatizzazioni e imprese di stato. Fact Checking completo

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli di Michelangelo Severgnini A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

A Parigi si prepara l'assedio di Tripoli

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti