/ Brexit: il white paper di May č un documento profondamente perico...

Brexit: il white paper di May č un documento profondamente pericoloso

 

Il libro bianco bloccherebbe il radicale programma industriale del Partito Laburista



Morning Star
 

Il libro bianco di Theresa May sul ritiro dall’Ue è un documento profondamente pericoloso che dovrebbe far suonare un campanello d'allarme per tutti a sinistra. Dovrebbe essere lo stesso per chiunque sia interessato al futuro dell'economia britannica. 

 

Il libro bianco blocca la produzione, l'agricoltura e i prodotti della pesca all'interno dei regolamenti dell'UE in perpetuo. Mantiene i servizi, soprattutto i servizi finanziari, all'esterno. Ciò può solo portare a un continuo rallentamento dell'economia produttiva della Gran Bretagna e ad un ulteriore aumento di un settore finanziario fondamentalmente insostenibile. 

 

Le conseguenze politiche sono ugualmente disastrose.

 

Il libro bianco bloccherebbe il radicale programma industriale del Partito Laburista. La promessa del Labour sulla proprietà pubblica e gli aiuti di stato all'industria ha più che ogni altra cosa contribuito a galvanizzare il sostegno a Jeremy Corbyn e al rinato Partito Laburista.

 

Ha anche accresciuto le speranze politiche per la sinistra in tutta l'UE - in un momento in cui la destra e l'estrema destra sono in ascesa. Come rivelato dal Times il 7 maggio, una delle principali preoccupazioni di "alti funzionari dell'UE" coinvolti nei negoziati è stata il potenziale impatto del programma di aiuti di Stato e proprietà pubblica del Labour sulla coesione politica all'interno dell'UE.

 

Temono la capacità di un governo laburista di rigenerare le economie regionali, utilizzare gli appalti pubblici per il miglioramento del settore pubblico, imporre contrattazioni collettive e bandire i datori di lavoro nella lista nera.

 

Questo è il tipo di alternativa politica voluta dalla sinistra e dal movimento sindacale in Spagna, Italia, Grecia, Belgio e Francia.

 

Ed è precisamente questo che il ‘white paper’ di Theresa May vuole impedire.

 

Nulla potrebbe essere più fuorviante della sua dichiarazione di ieri, secondo cui il white paper «vuole realizzare quella Brexit per cui il popolo ha votato. Hanno votato per riprendere il controllo dei nostri soldi, della nostra legge e dei nostri confini e questo è esattamente quello che faremo».

Per tutto ciò che conta in economia la «nostra legge» rimarrà quella europea. 

 

Sui servizi finanziari il libro bianco si vanta che la Gran Bretagna possiede i maggiori rispetto a qualsiasi altra nazione. Ed è vero. Tratta il 37% di tutto il commercio globale di valuta estera, il 16% del commercio transfrontaliero e il 38% del commercio di derivati.

 

Ma la grande maggioranza di questo è composto da banche e società finanziarie possedute e controllate al di fuori della Gran Bretagna. La Gran Bretagna ospita inoltre un numero sproporzionato di operatori di hedge fund. 

 

Un cambiamento dell'ultimo minuto nel white paper, fatto mercoledì, ritardando la stampa e provocando ieri una caotica sospensione presso la Camera dei Comuni, ha rimosso l'obbligo di seguire le direttive dell'UE sui servizi finanziari. 

 

Secondo il Financial Times la scorsa settimana, si è attivata una potente lobby che temeva una normativa più severa in futuro, una volta rimosso il voto britannico, che avrebbe frenato i profitti speculativi. Questo cambiamento dell'ultimo minuto mostra il suo potere politico.

 

I nuovi impegni faciliteranno i problemi immediati dell'industria manifatturiera? Forse. Per le grandi aziende, principalmente di proprietà estera, nei motori e nell'industria aerospaziale, sarà più facile gestire le catene di approvvigionamento. Ma a quale costo?

 

È un mito totale dire che tutto va bene nella produzione britannica. La produttività è inferiore a quella del 2007, attualmente ancora in calo, e molto inferiore a quella della maggior parte delle nazioni concorrenti.

 

Il motivo è la mancanza di investimenti in quanto i profitti vengono risucchiati dall'industria nel settore finanziario. Solo l'intervento dello Stato può invertire questo.

 

Il libro bianco di May è davvero antidemocratico. Invertirà il risultato del referendum e metterà fine alla nostra libertà di eleggere un governo impegnato per la proprietà pubblica, una politica industriale efficace e fermare gli attacchi neoliberisti alla classe lavoratrice. 

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa