La campagna contro Michael Flynn per destabilizzare la Presidenza Trump. Da Bloomberg

La campagna contro Michael Flynn per destabilizzare la Presidenza Trump. Da Bloomberg

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 La ragione delle dimissioni di Michael Flynn sta in una campagna di destabilizzazione,  sostiene Wikileaks sul suo account Twitter.



L'organizzazione ha dettagliato che questa campagna è stata "effettuata dalle spie degli Stati Uniti, i democratici e i media".

in più  WikiLeaks ha esortato per il pubblico la registrazione della conversazione tra Flynn e l'ambasciatore russo.

"La trascrizione intercettata della [conversazione] Flynn e Kislyak dovrebbe essere resa pubblica in modo che tutti possano agire con cognizione" si legge in un tweet. 

L'ormai ex Consigliere per la Sicurezza Nazionale di Trump ha dichiarato di "non aver superato i limiti" durante la conversazione con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergey Kislyak, come dichiarato in una intervista telefonica prima della sua rinuncia o '  pubblicato Martedì.

Stando alle parole di Flynn, la conversazione con Kislyak non ha riguardato le sanzioni contro la Russia ma i 35 diplomatici russi, che sono stati espulsi da Washington a fine di dicembre scorso.

Flynn ha anche espresso preoccupazione per la fuga di informazioni classificate alla stampa, in particolare sui colloqui tra i politici. "In alcuni casi si tratta di informazioni riservate, sottratte e date ad un giornalista. Questo è un crimine", ha concluso. "Le chiamano "fughe" di notizie . Si tratta di un atto criminale . Si tratta di un crimine", ha detto Flynn prima delle dimissioni.

E dunque, com'è possibile che Michael Flynn, un uomo nominato da Obama direttore della Defense Intelligence Agency nel 2012, prima di essere costretto al pensionamento anticipato solo due anni più tardi per essere critico dell'atteggiamento della stessa amministrazione nell'accordo con l'Iran, sia caduto vittima di una serie di fughe di notizie di intelligence da una varietà di agenzie indubbiamente affollate di lealisti di Obama soli 24 giorni dall'inizio del suo mandato come Consigliere per la Sicurezza nazionale di Trump?

 Risponde il Washington Free Beacon (WFB) che per gentile concessione di fonti interne anonime, fornisce il contesto di ciò che descrive come il culmine di una campagna segreta lunga un mese e condotta da ex fedelissimi dell'amministrazione Obama per azzoppare l'apparato di sicurezza nazionale del presidente Donald Trump e preservare l'accordo nucleare con l'Iran attraverso la diffusione di una serie di storie dannose su Flynn nei media nazionali.

 Lo sforzo, che coinvolgerebbe anche l'ex consulente dell'amministrazione Obama, Ben Rhodes, riguarda una piccola task force di fedelissimi Obama che avrebbero inondato i media con storie intese a erodere la credibilità di Flynn al fine di erodere gli sforzi dell'amministrazione Trump di rivelare i dettagli segreti dell'accordo nucleare con l'Iran che erano stati a lungo nascosti dall'amministrazione Obama.

Secondo fonti dell WFB, le tensioni tra l'amministrazione Obama e Flynn si sono intensificate dopo essere stato costretto al pensionamento anticipato dal suo incarico di direttore della Defense Intelligence Agency nel mese di aprile 2014. Improvvisamente libero del suo obbligo di assecondare la linea del partito, Flynn è diventato pubblicamente critico della gestione dell'amministrazione dei negoziati con l'Iran, nonché i suoi sforzi per l' insabbiamento di documenti riservati recuperati nel raid cpntrp Osama bin Laden che presumibilmente avrebbero rivelato stretti rapporto dell'Iran con al Qaeda.

Eli Lake, un editorialista di Bloomberg View, ha detto al Beacon che Flynn ha guadagnato una reputazione nell'amministrazione Obama come uno dei suoi principali detrattori.
 
"Michael Flynn è stato uno dei critici più feroci dell'amministrazione Obama dopo essere stato costretto a lasciare la Defense Intelligence Agency," ha dichiarato Lake, che ha descritto " l'assassinio politico di Michael Flynn " nella sua rubrica pubblicata all'inizio del Martedì.
 
"[Flynn] era un critico feroce della più grande iniziativa di politica estera di Obama, l'accordo con Iran", ha detto Lake. "Ha anche pubblicamente accusato l'amministrazione di nascondere dei documenti classificati trovati nel raid di Osama bin Laden che mostrerebbero lo stretto rapporto dell'Iran con al Qaeda. E 'stato una spina nel loro fianco."

 Ma quando Flynn è stato scelto da Trump come Consigliere per la Sicurezza Nazionale, i  lealisti di Obama sapevano che il loro "affare sacro" era a rischio  e hanno adottato misure per screditarlo preventivamente a tutti i costi.
 
Come diverse fonti hanno detto al WFB, la cacciata di Flynn "non era il risultato di una serie di eventi casuali", ma piuttosto uno sforzo coordinato di "  burocrati senza volto e senza nome", che sono stati in grado di ottenere le dimissioni di un consigliere per la sicurezza nazionale "sulla base di una campagna di insinuazioni"  completamente priva di qualsiasi prova tangibile. 

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti