Ucraina, Taiwan. Roger Waters umilia la CNN a casa sua

Ucraina, Taiwan. Roger Waters umilia la CNN a casa sua

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Roger Waters, co-fondatore ed ex leader della rock band Pink Floyd, ha definito, in un'intervista alla CNN,  l'attuale presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, come un "criminale di guerra" per le sue azioni sul conflitto in Ucraina.

Biden è una delle tante persone, insieme al suo predecessore Donald Trump, ad apparire nell'elenco dei "criminali di guerra" mostrati sui grandi schermi durante i concerti di Waters come parte del suo tour in Nord America con lo "spettacolo" This Is Not A Drill'.

Alla domanda dell'intervistatore Michael Smerconish sul perché ha definito l'attuale presidente in quel modo, Waters ha risposto: "Beh, per cominciare, sta gettando benzina sul fuoco in Ucraina, che è un grande crimine . Perché gli Stati Uniti non incoraggiano [il presidente ucraino Vladimir] Zelensky a negoziare, eliminando la necessità di questa orribile, orribile guerra che sta uccidendo... non sappiamo quanti ucraini e russi".

Di fronte alla contestazione del giornalista di "accusare ingiustamente la parte che è stata invasa", la rockstar ha replicato: "Qualsiasi guerra […] Quello che devi fare è guardare la storia , e puoi dire: ' Beh , è iniziata questo giorno.’ Mikhail Gorbaciov ha negoziato il ritiro dell'URSS da tutta l'Europa orientale”.

D'altra parte, l'ex leader dei Pink Floyd ha contestato il fatto che gli Usa si presentino come “liberatori". "Non hanno alcun ruolo come liberatori. Di cosa stai parlando?". Citando Smerconish sul ruolo di Washington nella Seconda guerra mondiale, Waters ha ricordato che la Casa Bianca si è attenuta a principi "isolazionisti" fino al bombardamento di Pearl Harbor da parte del Giappone nel dicembre 1941. Inoltre, ha  fatto precisazioni sul ruolo del popolo sovietico in quella guerra. "Non dimenticare che 23 milioni di russi sono morti proteggendo te e me dalla minaccia nazista", ha ricordato nell'intervista, trasmessa ieri.

"Taiwan è parte della Cina"

Un altro tema affrontato durante l'intervista è stata la tensione intorno a Taiwan aggravata dalla visita che la presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, Nancy Pelosi, ha compiuto questa settimana nell'isola. In risposta, Pechino ha lanciato una serie "senza precedenti" di esercitazioni militari e ha adottato una serie di contromisure economiche. "[I cinesi] non circondano Taiwan: Taiwan fa parte della Cina. E questo è stato assolutamente accettato dall'intera comunità internazionale dal 1948, e se non lo sai, non stai leggendo abbastanza. Vai a leggere su questo. [ …] Stai credendo alla propaganda della tua pagina web", ha lamentato Waters.

Quando l'intervistatore ha affermato che Pechino è in cima alla "lista dei trasgressori" nei diritti umani, Waters ha ribadito che non si può parlare di Taiwan e di quest'area senza conoscerne la storia. 

"I cinesi hanno invaso l'Iraq e ucciso un milione di persone nel 2003. A meno che non mi ricordi, aspetta un minuto, è stata la Cina a uccidere, massacrare [in Iraq]?" ha chiesto ironicamente la rockstar al giornalista della Cnn.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti