/ A una settimana dal voto, Kiev intensifica il martellamento sul D...

A una settimana dal voto, Kiev intensifica il martellamento sul Donbass

 


di Fabrizio Poggi
 

Il portavoce delle milizie popolari della Repubblica popolare di Donetsk, Eduard Basurin, ha dato notizia di uno scontro avvenuto l'11 aprile nell'area di Shirokino, lungo la direttrice di Mariupol, tra milizie e un gruppo di sabotatori ucraini. Intercettati, gli assalitori si sono ritirati, lasciando sul terreno un morto e due feriti.


Intanto, nelle primissime ore di sabato 13 aprile, un intenso fuoco di mortai ucraini, posizionati nell'area di Marinka, si è abbattuto sul villaggio di Aleksandrovka, alla periferia occidentale di Dontesk, mandando a fuoco i tetti di alcune abitazioni. Poche ore più tardi, i tiri sul villaggio si sono ripetuti: una donna è rimasta ferita.


Martellamento anche su almeno sei villaggi alla periferia di Lugansk, venerdì 12 aprile: con tiri di sistemi razzo anticarro, lanciagranate su affusto, mortai da 82 e 120 mm, colpiti Zolotoe-5, Frunze, Kalinovo, Donetskij e Prishib.


Lo scorso 8 aprile, sotto i colpi di mortaio ucraini, concentrati sull'area di Gorlovka, era rimasto ucciso un miliziano della DNR. Secondo i portavoce delle milizie, il fuoco di risposta aveva consentito l'eliminazione dei nidi ucraini, provocando la morte di quattro militari di Kiev e il ferimento di altri tre.


Il sito anna-news.info informa oggi sui combattimenti nella giornata del 12 aprile. Nell'area di Dolomitnoe, le milizie della DNR hanno liquidato un tentativo di attacco delle forze ucraine contro osservatori del OSCE, condotto con un drone. Avvistato l'apparecchio, i miliziani lo hanno distrutto prima che potesse sganciare le mine e provocare un incidente di cui Kiev avrebbe poi incolpato le milizie.


Lo stesso anna-news.info scrive che il 12 aprile le forze golpiste hanno violato per 23 volte il “regime del silenzio”, esplodendo almeno 500 colpi di calibro diverso verso la DNR. Colpiti dal fuoco ucraino i villaggi minerari di Trudovskaja, Staromikhajlovka e Aleksandrovka, alla periferia occidentale di Donetsk, e Spartak, Zhabicevo a quella settentrionale; colpiti anche Mikhajlovka, nell'area di Gorlovka; Vasilevka e Krutaja Valka, alla periferia di Jasinovataja. Nelle zone meridionali della DNR, colpiti Dokuchaevsk, Leninskoe, Oktjabr, Kominternogo, Sakhanka e Sosnovskoe. Colpite con artiglierie da 122 mm le linee elettriche attorno Naberezhnoe e Sosnovskoe, hanno lasciato i villaggi senza energia.


Appena una settimana fa, il rappresentante permanente russo presso l'OSCE, Alexandr Lukashevic, aveva informato che, in violazione degli accordi di Minsk, le forze ucraine stanno continuando a dispiegare in Donbass carri armati e armamento pesante. "Il 3 aprile, la missione OSCE ha registrato l'arrivo di nuovi convogli con 12 lanciarazzi BM-21 “Grad” alla stazione ferroviaria di Bakhmut”, aveva detto Lukashevic; “dieci sistemi di artiglieria "Akatsija" da 152 mm, 13 unità di artiglieria semovente da 122 mm "Gvozdik" e carri armati sono stati avvistati presso la stazione ferroviaria di Konstantinovka”. Lukashevic aveva parlato anche dell'arrivo di otto cannoni da 152 mm D-30 "Ljagushka", 12 "Gvozdik" e 6 "Grad".


Il “regime del silenzio” a una settimana dal voto per “eleggere” il nuovo presidente golpista.

 

 

 

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa