/ "Le sanzioni statunitensi contro il petrolio iraniano faranno sco...

"Le sanzioni statunitensi contro il petrolio iraniano faranno scomparire l'OPEC"

 

Le sanzioni sul petrolio iraniano che gli Stati Uniti minacciando di imporre l'Iran faranno sparire l'organismo in futuro.


Lo ha affermato oggi un consigliere del ministro iraniano del petrolio, Moayad Hoseini Sadr, dopo aver evidenziato l'enorme quantità di petrolio (il 5% della quantità mondiale) prodotta ed esportata dal paese persiano.
 
Sottolineando che il petrolio iraniano "non resterà senza clienti", ha aggiunto che questo argomento può essere offerto sul mercato internazionale per conto di altri paesi e attraverso il settore privato, e che ci sono piani per vendere il greggio sulla borsa nazionale.
 
Sebbene non abbia rifiutato la possibilità di una leggera riduzione della vendita, tuttavia, ha affermato che questo sarà ricompensato grazie all'acquisto effettuato da varie società.
 
Il funzionario persiano ha paragonato il piano degli Stati Uniti come una partita di calcio in cui dopo aver segnato un gol è possibile prenderne un altro, e quindi ha sottolineato che le sanzioni contro l'Iran avranno anche conseguenze per Washington.
 
"Gli Stati Uniti ritengono che il posto dell'Iran possa essere sostituito dall'aumento della produzione di petrolio di altri paesi come l'Arabia Saudita, motivo per cui ha deciso di applicare sanzioni unilaterali contro Teheran, ma la misura disturberà i programmi dell'Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio ( OPEC) ", ha sottolineato Hoseini Sadr.

 
Trump, dopo essere uscito dall'accordo nucleare raggiunto nel 2015 tra Teheran e l'allora gruppo 5 + 1 (Stati Uniti, Regno Unito, Russia, Cina e Francia, oltre alla Germania), ha promesso che avrebbe lanciato meccanismi per riaccendere le sanzioni più severe contro il paese persiano, tra queste, le restrizioni sugli acquisti di greggio iraniano e gli investimenti nei suoi progetti nel settore petrolifero.
 
In questo contesto, ha avvertito lo scorso giugno  tutti i paesi che acquistano greggio dall'Iran ad interrompere l'importazione di petrolio "completamente" iraniano per i primi giorni di novembre.
 
Il presidente persiano, Hasan Rohani, ha sottovalutato le minacce e le sanzioni "cieche" del paese nordamericano, assicurando che "non sarà mai in grado di tagliare le entrate dell'Iran per quanto riguarda le esportazioni di petrolio".
 
Fonte: Hispantv
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa