/ Messico, Obrador venderā l'aereo ultra-lussuoso di Peņa Nieto

Messico, Obrador venderā l'aereo ultra-lussuoso di Peņa Nieto

 

Come primo atto da neo-presidente del Messico, Andrés Manuel López Obrador, ha deciso di vendere l'aereo di extra lusso utilizzato dal suo predecessore, Enrique Peña Nieto.

L'aereomobile José María Morelos y Pavón, dispositivo di lusso che ha trasportato Peña Nieto in giro per il mondo, lascerà il Messico come decisione di AMLO contro quello che considera il simbolo degli eccessi delle ultime amministrazioni.  di ciò che considera un simbolo di eccessi. "Si venderanno tutti gli aerei ed elicotteri utilizzati dai politici corrotti", ha annunciato durante il suo primo giorno da governatore Lopez Obrador in una cerimonia davanti a centinaia di persone nello stato sud-orientale di Veracruz.




L'aereo presidenziale, che è costato 218 milioni di dollari, è stata acquisito a fine 2012 ed è uno dei 60 aerei a disposizione del governo che verranno venduti, oltre a 70 elicotteri. Lo ha annunciato Domenica Carlos Urzúa, ministro delle Finanze in una conferenza stampa tenuta all'aeroporto di Città del Messico.

Il nuovo presidente ha anche detto che non vivrà nella casa di Los Pinos, che sarà presto convertita in un centro culturale. Altre delle promesse presentate dal nuovo presidente come importanti risparmi di denaro sono la fine delle pensioni degli ex presidenti e una riduzione salariale per gli alti funzionari del governo.

L'aereo TP01 Boeing 787-7 Dreamliner è stato utilizzato per 2 anni e 8 mesi dall'ex presidente Enrique Peña Nieto per 214 viaggi di Stato. Misura 57 metri di lunghezza e può ospitare fino a 80 passeggeri. Ha 9 bagni, 7 schermi e una sala privata che comprende un soggiorno, una camera da letto e un bagno con doccia.  

L'aereo partirà oggi dal Messico per l'aeroporto logistico di San Bernardino, in California, dove sarà venduto. 
   
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa