/ Sondaggio: La maggior parte dei russi lamenta il crollo dell'Unio...

Sondaggio: La maggior parte dei russi lamenta il crollo dell'Unione Sovietica

 

Il numero di russi che si lamentano del crollo dell'Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche (URSS) raggiunge il livello più alto dal 2009, secondo un sondaggio.


Un sondaggio d'opinione condotto lo scorso novembre dall'ente indipendente Levada Center, mostra che il 58% dei russi attualmente rimpiange lo scioglimento dell'URSS, mentre il 25% afferma di non essere colpito da questo fatto e il 16% non è in grado di esprimere a parole ciò che sente sull'argomento.
 
Quando i ricercatori hanno chiesto cosa rimpiangessero della scomparsa dell'Unione Sovietica sulle ragioni principali, il 54% ha risposto che i russi hanno perso un sistema economico unico, il 36% ha detto che si è perso il senso di appartenenza ad una vera e propria superpotenza.
Un altro 34% del campione lamenta che la fiducia reciproca tra la gente comune è diminuita e il 26% ha dichiarato che il crollo dell'URSS ha distrutto i legami tra amici e parenti.
 
La stessa inchiesta mette in evidenza che il 52% dei russi crede che la scomparsa dell'URSS avrebbe potuto essere evitata, rispetto al 29% che ritiene il fatto era assolutamente inevitabile e il 19% non ha detto nulla di concreto al riguardo.
 
La proporzione di coloro che si sentono angosciati dal crollo dell'URSS è aumentata durante l'ultimo decennio, rispetto al 2009 la cifra ha superato quella di oggi.
 
Fonte: Russia Today
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa