/ Bahar Kimyongür: "Le elite occidentali e le monarchie del Golfo h...

Bahar Kimyongür: "Le elite occidentali e le monarchie del Golfo hanno gli stessi obiettivi e la stessa immoralità"

 

Gli ultimi sviluppi nel Medio Oriente e nel Maghreb analizzati dall'attivista, scrittore e giornalista belga di origine turca, Bahar Kimyongür, in un intervista concessa al portale di informazione, "Algerie Patriotique".


Il testo dell'intervista originale su "Algerie Patriotique".
 
La Francia ha appena consegnato al principe ereditario saudita la Legione d'Onore, mentre il Belgio ha concesso al presidente turco Recep Tayyip Erdogan l'Ordine di Leopoldo. Si tratta di due alti riconoscimenti per i paesi che sostengono il terrorismo. Come si spiega. L'Occidente premia  gli sponsor del terrorismo?
 
Le elite occidentali e le monarchie del Golfo sono parte dello stesso mondo. I nostri leader ed i loro re hanno gli stessi obiettivi e la stessa immoralità. I leader francesi e belgi vogliono mantenere buoni rapporti con gli amici, clienti e alleati strategici. Essi sono disposti a compromessi per soddisfare i peggiori interessi personali.
 
Come ha detto il consulente di Hollande per il Medio Oriente, David Cvach, "è giunto il momento di comprare azioni MBN" iniziali di Mohammed Bin Nayaf. Il capo del paese dei diritti umani compra i favori dei torturatori, assassini e criminali di guerra e viceversa. È il contrario di quello dovrebbe sorprendere.
 
I nostri leader cercano di giustificarsi dicendo che i regimi sauditi e turchi lottano contro il terrorismo, mentre questi due regimi sono i principali sponsor del terrorismo in Medio Oriente. Si dice che il denaro non ha colore o odore. Tuttavia, il denaro che il principe Mohammed Bin Najaf offre Hollande ha un odore: l'odore del sangue delle vittime del terrorismo.
 
C'è stato un tempo in cui l'Occidente ha elogiato il "modello turco", definendo il governo di Erdogan di "moderata e liberale". Tuttavia, il coinvolgimento diretto di Erdogan in conflitti interni in Iraq, Egitto, Iraq e Siria e la persecuzione contro i media opposizione lo hanno fatto l'uomo più odiato della regione. Come spieghi il suo passo da riformatore a dittatore?
 
Erdogan è sempre stato un dittatore insaziabile. In un primo momento, ha dovuto nascondere il suo gioco e affidarsi alla confraternita di Fethullah Gülen, flirtando con l'élite intellettuale, d'accordo con le forze politiche e gli attori economici, seducendo l'Unione europea, sostenendo la causa palestinese di fronte a Shimon Peres al Forum economico di Davos, etc. Ha praticato la dissimulazione, al fine di salire le scale e ottenere pieni poteri.
 
Tuttavia, quando la sua popolarità ha portato alle vittorie elettorali ripetute e sentiva che c'era una rete di sostegno internazionale dei Fratelli Musulmani, ha poi mostrato il suo temperamento da bullo. L'amministrazione Obama ha spinto Erdogan ad impegnarsi in una guerra contro la Siria di Bashar al-Assad come l'amministrazione Carter e Reagan hanno spinto Saddam Hussein ad attaccare l'Iran di Khomeini.
 
Le pressioni degli Stati Uniti su Erdogan affinché si implicasse nel conflitto siriano sono state rivelati dal quotidiano Sabah, un media pro-Erdogan, che ha raccontato di un incontro tra il leader turco e poi con direttore della CIA, Leon Panetta, a marzo 2011. La missione di Panetta era quella di convincere Erdogan ad affrontare Assad ha e lo ha fatto. Erdogan ha ricevuto il FSA(Esercito siriano libero ndr), la Coalizione Nazionale Siriano (CNS) e poi i terroristi di tutto il mondo. Tutte queste forze agiscono nell'interesse e per conto di Erdogan che, a sua volta, agisce per conto degli USA.
 
Infine, Erdogan è diventato un dittatore, ma anche un semplice esecutore degli ordini di Washington e intermediario tra gli Stati Uniti e la Galassia ISIS-Nusra-Ahrar-FSA.
 
"L'ISIS scomparirà quando Assad andra via", ha detto il ministro degli Esteri saudita Adel al Jubeir, in visita in Francia pochi giorni fa. Non è questa una ammissione indiretta che il gruppo terroristico agisce sostenuto dall'Arabia Saudita?
 
Il regime wahhabita è consapevole che la sua dottrina è la stessa dell'ISIS. Egli osserva, non senza timore che la simpatia della popolazione saudita è in crescita verso l'ISIS. La monarchia rifiuta la presenza dell'ISIS nel suo territorio. Al contrario, questa monarchia vede l'ISIS come un male minore in Siria, Yemen e Iraq perché questo gruppo terroristico combattere gli stati, le ideologie e le comunità che giudica ostili: la laicità della Siria, l'Iran sciita, Zaidi, lo Yemen, gli alawiti e le minoranze cristiane in Siria.
 
Quindi, vi è una chiara strumentalizzazione dell'ISIS da parte del regime saudita. Durante la conquista di Mosul da parte dell'ISIS nel 2014, i media vicini al potere saudita, lo hanno accolto come il trionfo di quello che chiamavano "rivoluzione sunnita" contro, gli sciiti, (il primo ministro iracheno Nuri al Maliki).
 
Il gran numero di sauditi nell'ISIS, tra cui alti funzionari dell'esercito saudita, è un'illustrazione della vicinanza ideologia e strategica tra ISIS e Al Saud.
Le guerre del regime saudita contro l'Iraq, la Siria, il Libano e Yemen sono condotte attraverso il sostegno all'ISIS e Al Qaida nella regione. Se l'Arabia Saudita aveva davvero voluto il benessere del popolo yemenita, si sarebbe alleata con l'esercito e gli Huthi contro l'ISIS e Al Qaida. Invece no. Re Salman sta cercando di distruggere le sole forze yemenite che resistono contro i due gruppi terroristici più barbari del mondo.
 
La Tunisia soffre gli attacchi terroristici dallo scorso anno, l'ultimo dei quali è stato quello di Ben Guerdane. Il trionfalismo mostrato dai tunisini potrebbe  avere un effetto nefasto per la lotta contro il terrorismo?
 
Il giorno dopo un fatto così traumatizzante come l' operazione jihadista di Ben Guerdane, il trionfalismo può essere utile per tenere unito il popolo tunisino intorno al suo esercito. Ma il governo tunisino deve stare attento a non riposare sugli allori in quanto il jihadismo tunisino non è stato eliminato. Quasi 5.000 tunisini combattono in Siria e più di mille in Libia.
 
La Tunisia non è più un teatro frequente di attacchi terroristici di ampiezza, come l'attacco del Museo del Bardo, di Sousse, l'esplosione in un autobus militare, in Tunisia, per non parlare dei delitti diretti contro attivisti di sinistra come Chokri Belaid e Mohammed Brahmi. Il santuario terrorista libico è alle porte della Tunisia. La guerra del popolo tunisino contro l'ISIS è tutt'altro che finita.
 
Cosa pensa della situazione attuale in Siria?
 
Dopo l'intervento russo, i terroristi in Siria non hanno raggiunto alcuna vittoria. Gli attacchi lanciati contro esercito siriano finiscono sempre nella sconfitta. Damasco è salda. I distretti di Aleppo occupati dai terroristi vengono gradualmente cancellati da parte dell'esercito. La provincia di Latakia è stata completamente liberato. A Deraa, i gruppi terroristici si sono ritirate. Palmira è diventato una tomba per l'ISIS. Sono le province di Idleb, il bastione di Al-Nusra, e poi Raqqa e Deir ez-Zor, le due province quasi interamente occupate dall'ISIS.
 
Sul fronte settentrionale, le Forze Democratiche siriane, guidati da YPG curde milizie sono riuscite a espellere l'ISIS, in provincia di Hasaka e avanzare nel nord di Aleppo.
 
L'annuncio del presidente russo di ritirare la maggior parte delle truppe sul fronte siriano indica che la Siria dovrà prendersi cura di se stessa e fare lo sforzo di eliminare i resti dei gruppi terroristici. Detto questo, l'esercito siriano continuerà ad essere sostenuto dal cielo dai russi e da terra daller Forze di Difesa Nazionale, dagli iraniani, dal Hezbollah libanesi, da volontari afgani e dalle milizie sciite, dai volontari internazionali sunniti (Guardia nazionale araba),dalle tribù sunnite siriane (Shaitat, Magawir), dai drusi dello Scudo della Nazione, dalle Brigate assire (Sotoro) etc.
 
Parallelamente, diverse iniziative di riconciliazione si svolgono a margine dei negoziati di Ginevra. Allo stesso tempo, si registra l'ingresso di aiuti umanitari nelle città assediate. Cinque anni dopo l'inizio della controrivoluzione siriana, siamo in grado di credere che possiamo vedere la fine dell'incubo.
 
L'Algeria ha rifiutato di partecipare alla coalizione saudita contro lo Yemen e di etichettare Hezbollah una "organizzazione terroristica".L' Algeria si è trasformata in un bastione contro l'egemonismo saudita con l'Iraq, Siria e Libano?
 
L'Algeria conosce meglio di qualsiasi altro paese il colonialismo occidentale e il terrorismo jihadista. Il popolo algerino ha subito queste due calamità per due decenni e alla fine le ha superate: nel 1954-1962 e 1991-2002, rispettivamente. L'Algeria conosce meglio di qualsiasi altro Paese musulmano le devastazioni ideologici e culturali del wahhabismo nel mondo islamico ed i valori sacri e universali di resistenza nel mondo islamico incarnate da Hezbollah. Anche durante i momenti più critici della crisi siriana, l'Algeria non ha mai nascosto la sua simpatia per il popolo siriano, il suo governo e il suo esercito insistendo sulla necessità di trovare una soluzione politica alla crisi siriana. Questa posizione di rispetto per la sovranità nazionale siriana ha fatto in modo che l' Algeria si guadagnasse l'attacco costante del regime saudita. Diversi paesi arabi hanno continuato più o meno apertamente, i rapporti con la Siria, in particolare l'Egitto, la Tunisia e l'Oman, ma solo l'Algeria ha mantenuto una forte solidarietà con la Siria.
 
Nonostante le pressioni saudite e occidentali, l'Algeria ha mantenuto ottimi rapporti con l'Iran distruggendo così il mito di uno scontro tra sunniti e sciiti. L'Algeria, come capitale del Terzo Mondo, ha mantenuto fedele alla sua storia. Questo è un grande onore per il popolo algerino. Il popolo siriano, che continua a resistere, gli sarà infinitamente grato.
Fonte: Algerie Patriotique
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa