G20, le mistificazioni di Draghi e la lezione della Cina

G20, le mistificazioni di Draghi e la lezione della Cina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Vacuo. Questo è l’aggettivo che definisce meglio il vertice G20 che si è chiuso a Roma. Vacue sono le mirabolanti conquiste, soprattutto in ambito ambientale, vantate da Mario Draghi nella conferenza stampa di chiusura. Una conferenza dove il presidente del Consiglio italiano è stato protagonista di una vera e propria mistificazione quando ha affermato di essere sorpreso dalla posizione conciliante della Cina sulla questione delle emissioni. 

«Mi attendevo un atteggiamento più rigido dalla Cina invece ha accettato un linguaggio molto più verso il futuro di quello accettato finora, dai numeri di Parigi. Ha accettato il contenimento di 1,5 gradi che comporta notevolissimi sacrifici da parte di tutti. Non sono impegni facili da mantenere», ha affermato Draghi, per poi aggiungere che «la Cina produce il 50% dell'acciaio mondiale e molti di questi vanno a carbone: il muoversi lì significa convertire questi impianti, adattare questa gigantesca produzione di acciaio, è una transizione difficile. Questo spiega le difficoltà di sposare immediatamente gli obiettivi più ambiziosi, non tanto la mancanza di pressione dell'opinione pubblica. Credo tra l'altro che l'opinione pubblica si lamenti anche da loro, c'è una diffusa difficoltà ad accettare le condizioni ambientali che ci sono lì». 

Peccato che la realtà smentisca le dichiarazioni Draghi, come spesso accade durante questa esperienza come capo del governo italiano e come è capitato in passato quando era banchiere. 

Nel suo discorso al 16° vertice dei leader del G20, in collegamento video da Pechino forse proprio per rimarcare la sua distanza da certe pratiche occidentali, il presidente cinese Xi Jinping ha ribadito che il cambiamento climatico e le questioni energetiche sono le principali sfide globali di oggi, che riguardano gli interessi comuni della comunità internazionale e il futuro della Terra. Per questo il leader cinese ha invitato il mondo ad adottare politiche globali ed equilibrate e a bilanciare la protezione dell'ambiente e lo sviluppo economico, nonché ad affrontare il cambiamento climatico e salvaguardare i mezzi di sussistenza delle persone. Le principali economie dovrebbero rafforzare la cooperazione in questo settore, ha aggiunto Xi per evidenziare come sia intollerabile che i ceti meno abbienti debbano soffrire gli effetti della cosiddetta transizione ecologica.  

Xi ha poi ricordato come negli ultimi 15 anni, il taglio dell'intensità delle emissioni di carbonio della Cina ha ampiamente superato gli obiettivi dell'azione per il clima del 2020, quindi le parole di Draghi non hanno proprio ragion d’essere. Ma siccome nel Draghistan abbiamo una stampa più che asservita e impegnata solo nella santificazione di Draghi nessuno gli chiederà conto delle sue improvvide affermazioni. 

La Cina - ha ricordato il leader cinese - continuerà a promuovere la trasformazione e il potenziamento delle strutture energetiche e industriali, promuovere la ricerca, lo sviluppo e l'applicazione di tecnologie verdi e a basse emissioni di carbonio, sostenere località, industrie e imprese qualificate per assumere un ruolo guida nel raggiungimento del picco e rendere positivo contributi agli sforzi globali per affrontare il cambiamento climatico e promuovere la trasformazione energetica. 

Dal discorso di Xi arriva anche un’altra lezione a Draghi e ai paesi ricchi quando il leader cinese ha affermato che bisogna dare priorità allo sviluppo e di agire sulla filosofia incentrata sulle persone. Ha esortato tutte le parti a considerare il miglioramento del benessere delle persone e il raggiungimento di uno sviluppo umano completo come punto di partenza e obiettivo finale, collocare la cooperazione allo sviluppo in una posizione più prominente nel coordinamento delle macro politiche globali e nell'agenda del G20 e adoperarsi per affrontare problemi tra cui la povertà e lo sviluppo squilibrato. 

Per questo motivo ha invitato il G20 a restare orientato all'azione e a promuovere la cooperazione pratica. Tutte le parti dovrebbero aumentare il contributo allo sviluppo, attribuire importanza ai bisogni dei paesi in via di sviluppo e rafforzare la cooperazione in aree critiche tra cui la riduzione della povertà, la sicurezza alimentare, l'industrializzazione e la connettività.

Il G20 dovrebbe perseguire il reciproco vantaggio e costruire partnership, ha affermato Xi, aggiungendo che tutte le parti dovrebbero sostenere le Nazioni Unite nello svolgere un ruolo di coordinamento, approfondire la partnership globale per lo sviluppo e costruire una comunità globale di futuro condiviso per lo sviluppo. I paesi sviluppati dovrebbero onorare seriamente i loro impegni di assistenza allo sviluppo e fornire più risorse ai paesi in via di sviluppo.

Questo è il multilateralismo di cui ha bisogno il mondo. Anzi, questo è il multipolarismo di cui il mondo ha oggi più che mai bisogno. L’epoca dell’egemonia occidentale è già adesso storia archiviata.

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata di Paolo Maddalena "Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

"Attuare la Costituzione" sull'autonomia differenziata

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista di Francesco Erspamer  Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Ma quale fascismo, quello di Meloni è il classico liberismo atlantista

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta? di Francesco Santoianni Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Cosa resta del No Green Pass dopo la sentenza della Consulta?

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani di Giacomo Gabellini Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

Il Partito Comunista cinese e gli insegnamenti confuciani

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente   di Bruno Guigue La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

La fine di un mito: la Russia scudo dell'Occidente

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare? di Alberto Fazolo Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

Perché Open di Mentana aizza la guerra nucleare?

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo di Pasquale Cicalese La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

La Manovra Meloni e il capitalismo corporativo

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta di Giuseppe Masala Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Bce e criptovalute. Lettera aperta al Prof. Panetta

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Apocalisse epidemica di Damiano Mazzotti Apocalisse epidemica

Apocalisse epidemica