/ Il Fondo Monetario Internazionale ammette che l'economia dell'Arg...

Il Fondo Monetario Internazionale ammette che l'economia dell'Argentina fuori controllo

 
 

Christine Lagarde, direttore operativo del Fondo Monetario Internazionale (FMI), ha ammesso che la sua organizzazione ha "sottovalutato la situazione economica incredibilmente complicata” in Argentina, mentre la recessione economica nella nazione latinoamericana si fa più profonda.

 

Nel 2018, il presidente argentino Mauricio Macri ha negoziato un prestito di 56,3 miliardi di dollari con il FMI da ripagare in un periodo di tre anni, la più grande erogazione nella storia dell'istituzione. Come parte delle condizioni imposte dall'agenzia, l'amministrazione di Macri ha implementato un forte programma neoliberista con dure misure di austerità.

 

Eppure, invece di migliorare l'economia, il paese latino-americano è entrato in una recessione più profonda. Secondo Lagarde, il tasso di inflazione in Argentina cresce "più del previsto”. I prezzi, che sono aumentati del 55,8% negli ultimi 12 mesi, sono aumentati del 15,6% nel solo primo trimestre del 2019.

 

Poiché la politica economica di Macri incide sulla popolazione, l'economia continua la sua spirale al ribasso.

L'agenzia di statistica argentina (INDEC) ha pubblicato uno studio il 28 marzo, dove si mostra che il 32% della popolazione vive in povertà e il 6,7% in condizioni di estrema povertà.

 

Mentre un recente studio condotto dall'Ufficio del mediatore civico argentino per la popolazione senior stima che dal 1° aprile 2019, circa il 70% dei pensionati non è in grado di coprire i bisogni di base dei prodotti, inclusi nel proprio paniere di mercato.

 

Il presidente argentino Mauricio Macri ha annunciato ad aprile nuove misure politiche volte a ridurre il tasso di inflazione ormai fuori controllo che ha toccato il 54,7 per cento a marzo, il più alto dal 1991. I funzionari governativi hanno dichiarato di aver raggiunto un "accordo" con 16 società per mantenere un "congelamento dei prezzi" su 60 prodotti di base nei prossimi sei mesi, fino a ottobre.

 

La misura è stata soprannominata da molti come una mera tattica politica, in quanto le elezioni presidenziali si terranno il 27 ottobre e Macri cercherà una insperata rielezione.

Fonte: teleSUR
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa