/ La Russia critica la strategia degli USA di smembrare la Siria

La Russia critica la strategia degli USA di smembrare la Siria

 

La portavoce del Ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova ha avvertito che qualsiasi ritardo nel ripristinare l'unità della società siriana è pieno di sfide più pericolose.


La nuova strategia di Washington per la Siria è volta a smembrare questo paese. Lo ha dichiarato, questo giovedì, la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.
 
"Sulla scia del discorso del Segretario di Stato [Rex Tillerson's] a Stanford e dei rapporti delle fonti militari statunitensi sulla creazione di alcuni gruppi armati sotto il patronato degli Stati Uniti per proteggere il confine nel nord della Siria, popolato soprattutto da curdi, la nuova strategia statunitense sembra  niente altro che una politica di smembramento di questo paese ", ha affermato Zakharova.
 
La Portavoce ha proseguito sostenendo che Mosca ha approfondito nel dettaglio la dichiarazione di Tillerson del 17 gennaio scorso alla Stanford University, in cui ha esposto la visione di Washington sull'attuale situazione in Siria e le modalità per risolvere il conflitto in quel paese arabo. "Come prima, gli americani dicono che l'eliminazione del presidente legalmente eletto della Siria è il loro obiettivo.
E, inoltre, si sostiene che Washington intende prolungare la sua presenza militare sul terreno di quello stato sovrano".
 
Mosca è certa, ha aggiunto Zakharova, che sarebbe inammissibile trasformare la Siria in una scenario di scontro tra forze esterne, ciascuna perseguendo i propri obiettivi. "Gli stessi siriani hanno il diritto di determinare il futuro del loro paese e speriamo che il prossimo forum di Sochi sarà un passo importante in questo senso", ha ribadito.
 
Zakharova ha avvertito che qualsiasi ritardo nel ripristinare l'unità della società siriana è carico di sfide più pericolose. "Questo è esattamente ciò che sta accadendo nell'area di Afrin in Siria, dove l'esercito turco e i gruppi di opposizione siriani stanno conducendo un'operazione militare, come noto, la Turchia lo presenta come una risposta alle minacce alla propria sicurezza, emersa nel a nord della Siria, in un'area fuori dal controllo del governo di quel paese ", ha concluso.
 
Fonte: TASS
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa