/ Perché gli Stati Uniti non possono fermare lo sviluppo di Huawei

Perché gli Stati Uniti non possono fermare lo sviluppo di Huawei

 


di Yu Jincui - Global Times
 

Non è un segreto che il gigante tecnologico cinese Huawei, insieme allo sviluppo high-tech della Cina che la compagnia rappresenta, siano stati gli obiettivi della repressione americana. Ma due eventi in Cina hanno suggerito che il tentativo degli Stati Uniti è destinato a fallire.

 

Lunedì, Huawei ha presentato la sua ultima unità centrale di elaborazione chipset (CPU), un risultato che migliora le sue capacità di produzione di chip e contribuirà alla realizzazione dell'autoapprovigginamento dei chip cinesi. La nuova CPU, chiamata Kunpeng 920, è stata costruita sull'architettura dei semiconduttori del produttore britannico di semiconduttori ARM Holdings. Con preoccupazioni ingiustificate che turbano l'ambizione di Huawei di battere i colleghi industriali e di cercare il dominio tecnologico, l'azienda ha mostrato al mondo di impegnarsi a condurre una collaborazione globale.

 

Il successo di Huawei è fondamentalmente il successo dell'innovazione. Fin dalla sua fondazione, l'azienda ha spinto il ritmo dell'innovazione, portando costantemente sul mercato qualcosa di nuovo e innovativo. Ma vale la pena notare che una cooperazione efficace con i partner globali ha svolto un ruolo importante nell'aiutare Huawei a fare passi da gigante, portando tecnologie e prodotti di prima qualità al servizio del mercato globale. I principi di business globali di Huawei sono l'apertura, la cooperazione e la vittoria reciproca, come enunciato dalla società nel mese di ottobre. In una certa misura, l'azienda non potrebbe aver raggiunto il successo e il progresso tecnologico di oggi senza la sua ampia collaborazione con oltre 13.000 partner di fornitura e con colleghi industriali.

 

Lo stesso giorno in cui Huawei ha lanciato il suo nuovo chipset, la casa automobilistica statunitense Tesla Inc.

ha aperto il suo stabilimento di Shanghai, raddoppiando le dimensioni della produzione globale del produttore di auto elettriche, diventando così la prima a beneficiare di una nuova politica che consente alle case automobilistiche straniere di creare consociate interamente controllate in Cina. L'innovativo rivoluzionario Gigafactory di Tesla è un'indicazione della determinazione della Cina nell'espansione dell'apertura.

 

Osservando l'enorme popolazione cinese e i suoi generosi incentivi per veicoli elettrici, Tesla è stata a lungo intenzionata ad aderire al mercato cinese dei veicoli di nuova energia.

 

Dato il gigantesco potenziale di consumo, gli sforzi della Cina per creare un ambiente normativo più favorevole per gli investitori stranieri e accelerare il ritmo di apertura con una serie di nuove misure di apertura del mercato lanciate lo scorso anno, il mercato cinese sarà più attraente per le compagnie straniere, soprattutto le compagnie americane. Di conseguenza, ci sarà anche una concorrenza più agguerrita tra gli investitori stranieri.

 

Di fronte alla pressione degli Stati Uniti, la cooperazione con il mondo esterno e l'espansione dell'apertura sono l'unica via d'uscita per la Cina e le società tecnologiche cinesi, in particolare Huawei, per rompere l'accerchiamento tecnologico statunitense.

 

Finché la Cina continuerà a innovare, a portare avanti una collaborazione globale e aperta e continuare ad aprirsi ulteriormente, fornirà al mercato internazionale tecnologie e prodotti più avanzati a vantaggio degli altri paesi. Il progresso tecnologico della Cina non può essere fermato. Gli Stati Uniti avrebbero dovuto affrontare meglio questa realtà.

(Traduzione de l'AntiDiplomatico)

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa