/ Afrin, "l'esercito siriano entrerà nelle prossime ore"

Afrin, "l'esercito siriano entrerà nelle prossime ore"

 
"L'esercito arabo siriano entrerà ad Afrin nelle prossime ore". Lo riportano i media locali siriani oggi. 

Un membro del Partito dell'Unione Democratica aveva annunciato domenica che l'esercito siriano sarebbe entrato questo lunedì mattina nella città di Afrin, nel nord della Siria. "La Siria e le forze democratiche siriane (SDF) hanno raggiunto un accordo", secondo cui l'esercito siriano arriverà ad Afrin lunedì "per proteggere i confini" con la Turchia, ha detto all'agenzia un capo del PYD, Sheijo Bilo. di notizie Kurdish Rudaw. La fonte consultata ha anche spiegato che si tratta di "un accordo strettamente militare con Damasco", in modo che ci siano ancora contatti in sospeso per affrontare le questioni politiche.

Venerdì, la stazione televisiva libanese Al Mayadeen ha riferito che Damasco ha raggiunto un accordo con le milizie kurde, il che faciliterà il dispiegamento nei prossimi giorni delle truppe siriane nella regione di Afrin, situata nel nord di Aleppo, con l'obiettivo di respingere gli attacchi della Turchia.



Il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu ha commentato la notizia sostenendo come Ankara "non ha problemi" se l'esercito siriano entra ad Afrin "per liberarlo dall'YPG". Lo riferisce NTV.

La città siriana di Afrin è al centro dell'operazione militare turca nominata "Rama de Olivo", iniziata il 20 gennaio dopo l'annuncio del piano statunitense per la creazione di una nuova forza di sicurezza di frontiera in Siria.

La metà dei 30.000 membri della nuova forza sarebbe stata reclutata dalle "forze democratiche siriane", di cui gli YPG sono parte integrante. La Turchia considera l'YPG un gruppo terroristico e un'estensione del Partito dei Lavoratori del Kurdistan turco, qualificato anche come organizzazione terroristica sia dalla Turchia che dagli Stati Uniti.

Damasco ha condannato fermamente le azioni della Turchia ad Afrin e ha ricordato che questa città è parte integrante della Siria. Il 14 febbraio, il vice ministro degli Esteri della Repubblica, Feisal Mekdad, ha dichiarato che le autorità siriane intraprenderanno "i passi necessari per respingere l'aggressione turca".

Fonti: Hispan Tv, RT, Al-Maydeen, Sana, NTV
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa