Come "Fact checker" ucraini censurano l'informazione in Italia

Come "Fact checker" ucraini censurano l'informazione in Italia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

 

Lo scorso due aprile pubblicavo su Facebook un video che riprendeva la donna, corrispondente alla blogger ucraina “Marianna V. “, apparsa su tutti i media (in stato di gravidanza) e  descritta come "sopravvissuta ai bombardamenti russi sull'ospedale di Mariupol".



 

La donna che nel video parla in russo afferma che in realtà la vicenda del bombardamento aereo, sia stata una messa in scena.

In breve, spiega come l' ospedale fosse stato i realtà occupato dalle truppe ucraine e che lo stesso non fosse stato oggetto di nessun bombardamento aereo deliberato. Fuori dall'edificio, afferma la donna, era esplosa una granata; questo è stato colto come pretesto per organizzare una sceneggiata con fotografi e cameraman, tra cui un dipendente dell'Associated Press. La donna chiarisce che tutto ciò’ sia avvenuto contro la sua volontà, avendo espressamente richiesto di non essere ripresa.

Il giorno dopo la pubblicazione, probabilmente su segnalazione di qualche utente FB, l'anteprima del video da me postato, veniva oscurato con la dicitura “Informazioni false- La stessa informazione è stata controllata da fact-cheker indipendenti”.

 

 

 

Facciamo un passo indietro: che la donna in questione fosse la blogger  è indiscutibile e  nessuno lo ha mai potuto negare. Anzi la grancassa mediatica, sulla sola base di quanto affermato dalle agenzie di stampa ucraine, sosteneva dopo la diffusione del video che la donna ( a onor del vero da molte testate data  addirittura deceduta dopo il parto), fosse stata rapita dai russi e il corollario era che le sue affermazioni non fossero dunque spontanee.

 

 

Fatta questa necessaria premessa, nessuno, lo ribadisco, può mettere in discussione la veridicità del video in sé .

Ora ritorniamo all'anteprima oscurata. Cliccando sull'opzione “Scopri perché” vengo a conoscenza del fatto che i suddetti fact-checker indipendenti  sono in realtà, un sito ucraino chiamato "Ukrainian.leadstories" che tra l'altro come motivante dell'attribuzione della dicitura“falsità dell'informazione“ riporta  un caso non rilevante con questo specifico.

In estrema sintesi, tale sito menziona un'altra ragazza ucraina  e la vicenda del teatro di Mariupol: aggiungo che l'articolo è anch'esso imbarazzante perché non dispone nemmeno di fonti terze, ma cita le autorità governative di Mariupol e un canale telegram filo-governativo che comunque non fornisce materiale multimediale e nessuna evidenza dei fatti.

Il sito in questione*  più specificatamente fa riferimento a una ragazza (nell'immagine sotto) che non è la blogger ma tutt'altra persona , affermando  che non abbia assistito alla detonazione o al lancio di una bomba su un teatro a Mariupol il 16 marzo. Dunque riportando una vicenda correlata a un personaggio che non ha nulla a che vedere con la blogger Marianna del “mio” post, ma per assimilazione sostenendo che l'informazione video postato da me, come da tanti in rete del resto, sia falsa.

 

 

Ed ecco che come un Tribunale senza giudici, avvocati o possibilità di appello, addirittura fact-cheker ucraini, che di imparziale pare abbiano ben poco, nel ruolo di “accusatori/censori” emanino sentenza inappellabile facendo  sì che Facebook bolli un video reale come informazione falsa, delegittimando implicitamente anche l'immagine del sottoscritto.

 

 

*https://ukrainian.leadstories.com/factcheck/2022/03/%d1%86%d0%b5-%d0%bd%d0%b5-%d1%81%d0%b2%d1%96%d0%b4%d0%be%d0%ba-%d0%bf%d1%96%d0%b4%d1%80%d0%b8%d0%b2%d1%83-%d1%82%d0%b5%d0%b0%d1%82%d1%80%d1%83-%d0%b2-%d0%bc%d0%b0%d1%80%d1%96%d1%83%d0%bf%d0%be%d0%bb%d1%96.html?fbclid=IwAR3SCaGXlv34Jk6QO0eefPAHr7lnxG3WeYUwzuIobwD9LItqEZP6F_y2qnk

 

Francesco Fustaneo

Francesco Fustaneo

Laureato in Scienze Economiche e Finanziarie presso l'Università degli Studi di Palermo.
Giornalista pubblicista dal 2014, ha scritto su diverse testate giornalistiche e riviste tra cui l'AntiDiplomatico, Contropiano, Marx21, Quotidiano online del Giornale di Sicilia. 
Si interessa di geopolitica, politica italiana, economia e mondo sindacale

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti