/ Iran: Gli europei non dovrebbero avere paura degli Stati Uniti

Iran: Gli europei non dovrebbero avere paura degli Stati Uniti

 

In un'intervista rilasciata a France 24, il viceministro dell'Economia iraniano ha dichiarato che l'Iran è rimasto fedele all'accordo sul nucleare, il piano globale di azione congiunta e ha arricchito gli scambi economici con il mondo.

"Siamo impegnati a rimanere nel patto nucleare, ma ammettiamo che il livello degli investimenti stranieri in Iran da quando l'accordo è in vigore è stato inferiore alle aspettative", ha dichiarato Mohammad Khazai, viceministro dell'Economia iraniano, durante un'intervista rilasciata a 'France 24'.
 
"Il piano globale di azione comune è", ha spiegato Khazai, "un accordo firmato tra l'Iran ed i sei membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Questo è un accordo la cui conformità è resa obbligatoria da una risoluzione delle Nazioni Unite. La procrastinazione nella sua realizzazione deve essere evitata e il ritiro dell'accordo non è possibile."
 
"Fortunatamente, gli stati europei, inclusa la Francia, hanno prestato il loro sostegno all'accordo di Ginevra. Finché c'è un tale sostegno unanime, non siamo preoccupati per il futuro dell'accordo ", ha affermato Khazai.
 
Alla domanda sull'effetto delle minacce statunitensi sugli investimenti stranieri in Iran, Kharzai che è stato l'ambasciatore delle Nazioni Unite dell'Iran ha precisato: "Le minacce di Trump creano instabilità. Questo è ciò che dobbiamo considerare. Ma, a dire il vero, abbiamo imparato a convivere con l'ostilità degli Stati Uniti, che ha perso la sua influenza."
 
Il presidente del comitato per gli investimenti sperava che l'interazione con i paesi di tutto il mondo potesse contribuire a promuovere lo scambio economico con loro.
 
Alla domanda su un possibile ritorno dell'Iran al tavolo dei negoziati sul suo programma balistico per soddisfare Trump ed evitare un nuovo treno di sanzioni, ha ribadito che "questa domanda dovrebbe essere posta al capo della diplomazia Mohammad Javad Zarif. Ma è evidente tutto ciò che l'Iran fa, non mira affatto a soddisfare i desideri di Trump.
"
 
Inoltre, ha aggiunto che "i paesi europei ora privilegiano i propri interessi rispetto a quelli degli Stati Uniti, e questo è un segnale positivo. In effetti, paesi come Francia e Italia intendono seguire i loro scambi con l'Iran. Diversi paesi asiatici ed europei hanno espresso interesse a investire in Iran. Tuttavia, è ammesso che il livello degli investimenti stranieri in Iran dopo l'accordo nucleare è ancora al di sotto delle aspettative. "
 
I contratti firmati negli ultimi anni ammontano a 24 miliardi di dollari. "L'Iran ha già concluso accordi di finanziamento con Francia, Danimarca, Italia, Austria, Corea del Sud e Cina. La situazione sembra migliorare dal 2015, anno della firma dell'accordo nucleare. Tuttavia, per un cambio di marcia, è necessario un nuovo veicolo finanziario. Ne discutiamo a Parigi con la Public Investment Bank [Bpifrance] e il governo", ha aggiunto.
 
Non temete che gli investitori stranieri si ritirino dai loro progetti sotto la pressione americana, ha chiesto il giornalista della Francia 24. Khazai ha risposto: "I progetti stanno progredendo al loro ritmo, finora non abbiamo registrato alcun ritiro a seguito delle minacce americane. Washington continua con le sue minacce, ma la situazione è cambiata. "
 
Riguardo alla recente crisi in Iran e al suo impatto sul settore economico, ha affermato: "Una delle priorità dell'Iran è ascoltare le critiche del popolo ... Questa crisi non è una novità in sé. Questo potrebbe accadere in qualsiasi parte del mondo e specialmente in Francia. Ciò non ha avuto alcun impatto significativo sui nostri scambi economici e il malcontento economico o sociale rimane relativo. Certo, non tutto è perfetto nel paese: il che non sorprende considerando gli anni delle sanzioni. Ma il governo sta stabilizzando la situazione e sta lavorando per affrontare l'inflazione e la povertà. "
 
Fonte: France 24
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa