/ La Cina sarà il grande vincitore di una Brexit no-deal

La Cina sarà il grande vincitore di una Brexit no-deal

 

Si prevede che la Cina e gli Stati Uniti ottengano enormi benefici qualora il Regno Unito lasci l'UE senza un accordo. Questo perché l'Europa sarà lasciata "fratturata" dal divorzio dalla Gran Bretagna, ha spiegato l'economista marxista e il professore universitario, Richard Wolff.


Mercoledì scorso, Bruxelles ha accettato di estendere la scadenza del Brexit fino al 31 ottobre, dando così a Londra altri sei mesi per trovare "la migliore soluzione possibile" per lasciare il blocco mentre il primo ministro del Regno Unito, Theresa May combatte con i parlamentari per concordare un accordo. Tuttavia, le imprese in Gran Bretagna e in tutta Europa vogliono che questa "interminabile soap opera" venga risolta, ha affermato l'economista marxista e professore  universitario, Richard Wolff, durante la trasmissione televisiva 'Boom Bust' di RT.
 
 

 
 
"La cosa peggiore è l'incertezza che circonda la vicenda. Nessuno sa se fare un investimento in una parte d'Europa o in un'altra, perché non sanno cosa significherà l'Europa in termini di dove possono vendere e dove possono acquistare e che tipo di profitti possono fare", ha aggiunto Wolff.
 
Nel frattempo, un nuovo documento di ricerca dell'ONU intitolato "No-deal Brexit: i vincitori e i vincitori del commercio" ha avvertito che il ritiro del Regno Unito "cambierà la capacità dei paesi che non fatto parte della UE di esportare nel mercato del Regno Unito", lasciando spazio agli altri giocatori permettendogli di fare un salto in avanti.
Le esportazioni cinesi nel Regno Unito potrebbero quindi salire a 10,2 miliardi di dollari, mentre gli Stati Uniti dovrebbero incrementarle di 5,3 miliardi.
 
Un tale risultato può essere spiegato dal fatto che i partner commerciali britannici dovranno letteralmente scegliere da che parte stare in mezzo alla "drammatica" riorganizzazione economica e politica, ha osservato il professore citando l'Italia, dove sostiene che gli italiani hanno già firmato un accordo con Pechino.
 
"Se rompi l'Europa, se la Francia o la Germania cominciano a vedere che dovranno scegliere da che parte stare... Non è chiaro in che direzione andranno: con gli Stati Uniti, con il signor Trump, a chi non piace; con una Gran Bretagna distrutta, che stanno guardando; o con la Cina in ascesa" , ha detto Wolff. "Potremmo vedere una drammatica riorganizzazione del mondo, politicamente ed economicamente, perché uno dei grandi blocchi di potere, l'Europa, sta letteralmente cadendo a pezzi".
 
Fonte: Rt - Foto Reuters
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa