/ "La Cina sfida le sanzioni statunitensi e continuerą a comprare g...

"La Cina sfida le sanzioni statunitensi e continuerą a comprare greggio iraniano"

 

La Cina continuerą ad acquistare petrolio iraniano, in aperto rifiuto al piano statunitense di fermare completamente le esportazioni di petrolio di Teheran.


Il governo degli Stati Uniti non è stato in grado di persuadere la Cina a tagliare le importazioni di greggio iraniano, secondo quanto si legge in articolo pubblicato oggi su Bloomberg, citando due funzionari statunitensi, che hanno chiesto di rimanere anonimi.
 
Le fonti, ben informate sui dialoghi tra Washington e Pechino, hanno descritto il rifiuto della Cina al piano statunitense come "un colpo alle misure dell'amministrazione di Donald Trump per isolare l'Iran". Tuttavia, il gigante asiatico ha accettato di non aumentare i suoi acquisti di greggio di Teheran, hanno aggiunto.
 
Trump, dopo aver ritirato il suo paese dall'accordo nucleare del 2015 tra l'Iran e il gruppo 5 + 1 a maggio (Stati Uniti, Regno Unito, Russia, Cina e Francia, oltre alla Germania), ha esortato tutti i paesi che acquistano petrolio dalla Repubblica islamica di porre fine alle importazione "completamente" a partire dai primi giorni di novembre.

 
 

 
Da allora, alti funzionari statunitensi si sono recati nelle capitali di tutto il mondo per chiedere che i paesi fermino le loro importazioni di greggio iraniano a partire dal prossimo 4 novembre, quando Washington ha intenzione di reintrodurre le sanzioni relative alle questioni nucleari che erano state sospese con l'accordo sul nucleare.
 
In precedenza, l'Unione europea (UE), l'India e la Corea del Sud hanno espresso la volontà di continuare a comprare il greggio iraniano, nonostante le minacce delle sanzioni statunitensi.
 
"Gli Stati Uniti non sarà mai in grado di tagliare le entrate dell'Iran per quanto riguarda le esportazioni di petrolio", ha dichiarato recentemente il presidente dell'Iran Hasan Rohani. "È un'ipotesi errata" e un semplice "sproloquio", ha insistito.
 
 
Fonte: Bloomberg
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa