Oliver Stone: "Putin ha fatto bene ad agire ed aiutare l'esercito siriano. Spero che vinca"

Oliver Stone: "Putin ha fatto bene ad agire ed aiutare l'esercito siriano. Spero che vinca"

Oliver Stone, regista e sceneggiatore, autore di "USA, la Storia mai raccontata", ha rilasciato un'intervista esclusiva al quotidiano spagnolo El Mundo, nella quale ha dichiarato che la NATO è uno "strumento di intimidazione"e ha elogiato il presidente russo Vladimir Putin.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Nell'intervista a El Mundo, il regista Oliver Stone, che attualmente sta girando un film su Edward Snowden e lavora su un documentario sulla guerra civile in Ucraina, ha definito la NATO, guidata dagli Stati Uniti, come uno "strumento di intimidazione". Per quanto riguarda il rapporto tra gli Stati Uniti e l'Unione europea il regista ha dichiarato: «L'Europa si è sottomessa ed ha sacrificato i suoi principi in nome di una presunta prosperità e sicurezza».
 
Quello che dimostra la sottomissione dell'Europa, secondo Oliver Stone, è il caso di Edward Snowden. «Il caso di Snowden per me è il mondo alla rovescia. Se questo fatto fosse accaduto nel negli anni 50 o 60, probabilmente la Francia o qualsiasi altro Paese europeo gli avrebbe dato asilo (...), ma [ora] nessun paese può affrontare gli americani temendo rappresaglie», ha affermato il regista.
 
Alla domanda sul conflitto in Ucraina, Stone ha spiegato che la CIA è responsabile per la guerra nel paese ed ha giustificato le azioni della Russia: «(...) il punto di vista della Russia non è mai stato preso in considerazione. E la destabilizzazione dell'Ucraina ha il marchio di precedenti episodi di cambiamenti di governi sponsorizzati dagli USA (...) Quello che ha fatto Putin, per come ho capito, è stato quello di difendere i propri interessi geostrategici contro le intrusioni politiche degli Stati Uniti ed dell' Europa, desiderosi di estendere la sua influenza verso est».
 
Secondo Oliver Stone, che conosce personalmente il presidente russo Vladimir Putin, in 15 anni ha cambiato la Russia e il paese è diventato un "contrappeso al potere agli Stati Uniti." In merito alla domanda sugli attacchi russi in Siria, il regista nordamericano ha risposto: «Mi sento di dire che ha fatto Putin a prendere provvedimenti e spero che vinca, che consenta all'esercito siriano di ricostruirsi per permettergli di resistere allo Stato islamico».
 
Per quanto riguarda il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, Stone ha affermato che "è in uno stato di totale confusione", aggiungendo che «i suoi due mandati possono essere considerati come il terzo e il quarto di George W. Bush", dal momento che Obama continua a promuovere "il militarismo americano."
 

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi" di Michelangelo Severgnini Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

Sahra Wagenknecht, Carola Rakete e i "grandi strateghi"

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti