/ Argentina, cresce la protesta contro le politiche neoliberiste di...

Argentina, cresce la protesta contro le politiche neoliberiste di Macri

 

In migliaia protestano contro la decisione di richiedere un prestito al Fondo Monetario Internazionale



teleSUR
 

Migliaia di argentini sono oggi nelle strade per protestare contro l'ultima mossa in politica macroeconomica del presidente Mauricio Macri: un prestito importante dal Fondo Monetario Internazionale (FMI).

 

Dimostranti pacifici hanno marciato verso la banca centrale di Buenos Aires urlando "No all'adeguamento, abbastanza da svuotare il paese" e portando cartelli che dicevano "No al FMI" e "Macri = FMI, basta con gli aggiustamenti. " Molti hanno portato grandi pentole di cibo per sfamare i manifestanti dimostrando che molti argentini medi stanno esaurendo i soldi per il cibo.

 

Daniel Menendez, direttore di "Barrios de Pie" - Neighborhoods Rising Up - un'organizzazione per i diritti sociali di Buenos Aires dice a Reuters: "Vogliamo mostrare, in particolare, chi sono le famiglie che sono interessate da queste misure e sottolineare che questa è una tragedia: mentre oggi sono garantiti miliardi di dollari di profitto per certi settori, ci sono famiglie che non hanno niente da mangiare, questa è la realtà. Non è neutrale, qui alcuni prendono profitti e altri ne rimangono con una situazione sociale sempre più difficile".

 

L'economia argentina è entrata in una recente spirale discendente dalla fine di aprile, quando il peso si è svalutato del 9% all'inizio di maggio ed è più debole del 14,77% dall'inizio del mese.

 

Ma gli argentini medi hanno subito l'ira degli aggiustamenti di Macri da quando è entrato in carica più di due anni fa.

Da allora lui e un congresso conservatore hanno drasticamente ridotto i sussidi di energia, trasporti e gas, eliminato oltre mille posti di lavoro statali, cercato di rompere i sindacati, e hanno ridotto le tasse per i settori minerario e agroindustriale con l'intento dichiarato di tagliare il deficit e controllare l'inflazione della nazione, che si è attestata al 25% nell'ultimo anno.

 

Dopo aver improvvisamente impennato i tassi di interesse al 40% la scorsa settimana per salvare il peso, mossa che non ha funzionato, Macri ha annunciato che la sua amministrazione avrebbe richiesto un prestito al FMI di 30 miliardi di dollari.

 

Molti argentini sono indignati per il ritorno del Fondo monetario internazionale nel paese - cacciato dal presidente Nestor Kirchner nel 2003 - le cui condizioni di prestito hanno causato il collasso economico della nazione nel 2000.

 

Questa è la seconda volta nella scorsa settimana che gli argentini hanno effettuato proteste contro la decisione dell'amministrazione di chiedere un prestito al FMI.

 

(Traduzione de l’AntiDiplomatico)

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa