/ L'Iran chiede alla Turchia la "fine immediata" degli attacchi in ...

L'Iran chiede alla Turchia la "fine immediata" degli attacchi in Siria

 

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Bahram Qasemi ha chiesto la "fine immediata" delle operazioni militari della Turchia contro le milizie curde nella città di Afrin, nel nord della Siria, avvertendo che queste offensive possono alimentare solo "le fiamme della guerra e dell'annientamento".


"La Repubblica islamica ha sottolineato, in modo serio, la necessità di salvaguardare l'integrità territoriale della Siria e rispettare la sua sovranità nazionale per prevenire il peggioramento della crisi umanitaria nel territorio siriano e difendere la popolazione innocente del paese", ha sottolineato oggi il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Bahram Qasemi, chiedendo alla Turchia la fine delle sue operazioni militari nel nord della Siria, nel Cantone di Afrin.
 
In questo modo, ha invitato tutti i paesi, in particolare la Turchia, ad essere uno dei quattro garanti del processo di pace in Siria, ad adempiere ai propri impegni nei negoziati per risolvere la crisi siriana attraverso la politica, in particolare il dialogo Astana.
 
Qasemi ha assicurato che la "crisi devastante" che attraversa la Siria è radicata in azioni provocatorie e interventi illegali da parte di potenze al di fuori della regione, compresi gli Stati Uniti e alcuni governi bellicosi della zona, come nel caso del regime sionista di Israele.

 
"La crisi siriana non finirà mentre le forze degli Stati Uniti e dei loro alleati, tra cui i gruppi takfiri continuano a mantenere la loro presenza illegale e illegittima in Siria; cosa che non è stata richiesta da Damasco o per favorire gli interessi del popolo siriano", ha criticato.
 
Infine, ha fatto un appello ai "paesi responsabili" della comunità internazionale, in particolare i paesi confinanti della Siria, al fine di evitare di effettuare qualsiasi azione che incoraggi la presenza illegale di forze straniere e provocare il rafforzamento di gruppi terroristici nell'area e che rispettino il processo pacifico e diplomatico per porre fine ai problemi.
 
Nonostante gli avvertimenti da parte del governo di Damasco sulla violazione del suo territorio, la Turchia ha annunciato ieri una nuova offensiva ad ??Afrin contro le Unità di Protezione Popolare curde, YPG, sostenuta dagli Stati Uniti . La Russia, da parte sua, ha criticato la decisione di Ankara.
 
Fonte: Hispantv
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa