/ Russia: gli Stati Uniti stanno giocando pericolosamente la carta ...

Russia: gli Stati Uniti stanno giocando pericolosamente la carta curda in Siria

 

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov avverte che il sostegno degli Stati Uniti alle milizie curde in Siria "è un gioco molto pericoloso".


"Giocare con la carta curda è parte di quello che stanno facendo gli Stati Uniti stanno facendo ulla sponda orientale dell'Eufrate e altrove in Siria, mantenendo speciali gruppi operativi e consulenti (...) è un gioco molto pericoloso, visto come spinosa è la questione curda in diversi paesi della regione, non solo in Siria", ha affermato il ministro degli Esteri russo ieri.
 
 

 
 
In un'intervista al canale Rossiya 1 a margine del vertice del G20 in Argentina, Lavrov ha anche sottolineato che gli Stati Uniti cercano di giustificare la sua presenza nel paese arabo sostenendo che è temporanea.
 
Tuttavia, ha aggiunto, tutti sanno che ciò che accade nella riva iorientale dell'Eufrate viola l'integrità territoriale della Siria.
In realtà, il capo della diplomazia russa ha indicato che in questo settore avvengono "cose inaccettabile" da parte degli Stati Uniti.
 
"Stati Uniti cercano di formare strutture quasi statali, investono centinaia di milioni di dollari per attrezzare queste aree (...) ma si rifiutano di ripristinare le infrastrutture nei territori controllati dal governo siriano", ha sottolineato Lavrov.
 
Lunedì, un portavoce militare statunitense ha riferito che Washington invia circa 300 camion con armi, missili, obici e mitragliatrici ai suoi alleati curdi in Siria.
 
L'espansione della presenza militare statunitense in Siria sembra contraddire, d'altra parte, le affermazioni fatte all'inizio di quest'anno dal presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, il quale aveva dichiarato di voler ritirare rapidamente le sue truppe dalla Siria.
 
Fonte: Rossiya 1 - Foto AFP
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa