/ Siria: i curdi traditi dagli Stati Uniti

Siria: i curdi traditi dagli Stati Uniti

 

Nei giorni scorsi, l'esercito turco ha preso di mira le postazioni dei miliziani curdi a Kobane-Ain al Arab e Tell Abyad con attacchi a colpi di mortaio. Per i curdi, questi attacchi non sarebbero potuti avvenire senza la luce verde degli Stati Uniti, vedendo cosė i segnali di un nuovo tradimento statunitense.


Il portale di informazione del Movimento di Resistenza libanese Hezbollah, Al Manar nella sua analisi in merito ai rapporti tra USA e curdi, parte dall'ultimo episodio, ovvero l'uccisione di decine di civili e altre ferite da questi attacchi a colpi di mortaio da parte delle Turchia, oltre agli ingenti danni provocati sui quartieri residenziali della periferia di Kobane-Ain al Arab.
 
Recentemente Ankara ha trasportato nuovi convogli militari nelle aree di confine della Siria, annunciando che avrebbe lanciato un'altra operazione contro i curdi nel nord della Siria. Il ritiro dei miliziani curdi dalla località di al-Sheikh Satif, non lontano da Manbij, dimostra che le minacce di Ankara stanno per concretizzarsi.
 
La località di al-Sheikh Satif era sotto il controllo dei miliziani curdi e delle forze statunitensi, ma un accordo concluso tra Stati Uniti e Turchia ha dato origine al ritiro dei curdi da questa regione.
 
Se Washington continua a lasciare che i turchi attacchino le postazioni dei curdi, questi ultimi si ritireranno anche gradualmente dalle zone petrolifere dell'Eufrate accusando gli Stati Uniti di non difendere più i loro interessi.
 
La situazione di stallo tra i curdi e le forze statunitensi che operano nel nord-est e nella Siria orientale non è nulla di nuovo perché gli americani hanno finora collaborato con Ankara in molte occasioni per salvare i propri interessi.
Il ritiro dei curdi da Manbij conferma quest'ipotesi.
 
Si noti che la città di Manbij è attualmente controllata da forze statunitensi e turche.
 
Una fonte militare siriana ha riferito all'agenzia di stampa iraniana, Mashregh, che i curdi non sono stati in grado di reagire contro questo nuovo tradimento di Washington di cui sono totalmente dipendenti.
 
"La massima inerzia mostrata dai miliziani curdi negli ultimi anni li sta spingendo a sottomettersi a qualsiasi accordo firmato tra Washington e Ankara. Inoltre, i curdi non sono in grado di resistere alle pressioni degli americani nell'est dell'Eufrate e presto cederanno. Gli americani si preoccupano solo dei loro interessi nelle aree che controllano nella parte nord-orientale e orientale della Siria. E i miliziani  urdi se non giocano nel loro campo, non sono altro che carte bruciate", ha spiegato la stessa fonte preferendo rimanere anonima.
 
Ha anche aggiunto che la migliore opzione per i curdi sarebbe la loro riconciliazione con il governo siriano: "I curdi farebbero meglio a deporre le armi e fare i conti con il governo e la nazione della Siria attraverso un dialogo diplomatico!".
 
Fonte: Al Manar - Mashregh
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa