AS`AD AbuKHALIL: Le possibilità di una guerra Israele-Libano

AS`AD AbuKHALIL: Le possibilità di una guerra Israele-Libano

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di As`ad AbuKhalil - ConsortiumNews

In Oriente e in Occidente si parla molto delle prospettive di guerra tra Libano e Israele. Queste chiacchiere potrebbero ridurre la possibilità che scoppi una guerra su vasta scala perché Israele di solito preferisce cogliere di sorpresa gli arabi. 

Le guerre e gli attacchi “preventivi”, e l'assunzione dell'iniziativa militare, sono centrali nella dottrina militare israeliana. Israele sarebbe entrato in guerra, se avesse voluto, già il 7 ottobre perché a quel punto Hezbollah non era preparato al conflitto, nonostante la sua solidarietà con la Palestina. Hezbollah non ha ricevuto alcun preavviso da parte di Hamas riguardo all’operazione Tempesta di al Aqsa. Il movimento libanese è rimasto sorpreso, come gli altri arabi, dall'attacco di Hamas. 

È un possibile punto di discussione se informare in anticipo Hezbollah sulle linee generali dell'operazione, o anche solo sui tempi, poteva essere di aiuto per Hamas.

Ma Yahya Sinwar, il comandante di Hamas, è stato attento alla sicurezza delle sue operazioni e a quella dei suoi combattenti e dei suoi quadri. L'uomo che ha studiato il nemico per anni in prigione ha imparato l'arte della prevenzione e della sorpresa. Ma gli arabi non l’hanno mai perfezionata se non nella Guerra d’Ottobre (che Anwar Sadat, presidente dell’Egitto, trasformò da una vittoria anticipata in una sconfitta certa). 

Quali sono le prospettive per la guerra?

1) Israele ha un disperato bisogno di ottenere una vittoria militare, qualcosa che gli è sfuggito a Gaza; Il prestigio militare di Israele nei confronti degli arabi necessita di un salvataggio immediato.

 2) Hezbollah ha dato inizio al conflitto e non ha smesso di combattere nonostante la pressione e l’aggressione israeliana, e Israele potrebbe decidere di dover scoraggiarlo una volta per tutte.  

3) Esiste un ampio campo di opposizione libanese (sponsorizzato dall'Arabia Saudita e dagli Emirati Arabi Uniti) che è disposto a sostenere indirettamente Israele e partecipa, o contribuisce quotidianamente, allo sforzo bellico di propaganda israeliano, proprio come c'era un ampio campo libanese ( composto principalmente da cristiani e sciiti) dietro Israele nel 1982 contro l’OLP.  

4) L’amministrazione Biden è assoluta nel suo totale sostegno a Israele e alla sua aggressione. Non è certo che Israele abbia violato le linee rosse fissate da Joe Biden; è più probabile che non vi fossero vere e proprie linee rosse con cui iniziare. E il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu potrebbe voler sfruttare l’anno elettorale americano per ottenere una vittoria contro Hezbollah – una vittoria che Israele non riuscì a ottenere nel 2006. 

Negli Stati Uniti, la competizione presidenziale tra Biden e Donald Trump è tale da impedire al democratico in carica di imporre restrizioni o vincoli all’aggressione israeliana – ammesso che lo voglia, dato che è il primo presidente americano ad identificarsi come sionista. 

5) Lotte intestine tra fazioni in Israele potrebbe mettere da parte i calcoli razionali dell’analisi costi-benefici. L’élite al potere in Israele potrebbe spostarsi verso un’opzione irrazionale. 

6) Lo status di Netanyahu, politicamente e giuridicamente, è molto critico e dovrà affrontare una grande crisi non appena la guerra finirà per aver avuto sotto la sua sorveglianza il diluvio di Aqsa del 7 ottobre. 

7) Israele non ha una strada per porre fine alla guerra a Gaza e spera che la guerra con il Libano possa aiutarlo in qualche modo. 

Quali sono le prospettive di nessuna guerra?  

1) Le prestazioni militari di Israele non sono state affatto impressionanti. Le sue forze hanno commesso massacri e crimini di genocidio, ma non ci sono vittorie militari di cui parlare né smantellamento della struttura di Hamas. All’inizio della guerra del luglio 2006, Israele aveva promesso di smantellare Hezbollah e di eliminare completamente il suo arsenale missilistico. Ogni volta che Israele dichiarava che la sua fine era stata raggiunta, Hezbollah lo sorprendeva con una nuova raffica di attacchi missilistici. 

Se Israele vacilla a Gaza, è improbabile che la sua performance in Libano sia migliore, soprattutto contro l’elemento più potente dell’asse della resistenza in Medio Oriente. Questo elemento è diventato più forte di tutti gli altri eserciti arabi e ha accumulato capacità di combattimento nella guerra civile in Siria. 

L’esercito israeliano, d’altro canto, non è impegnato in veri e propri combattimenti militari contro un esercito esperto da molti anni. Israele ha tentato di avanzare nel territorio del Libano meridionale durante la guerra di luglio del 2006, ma la sua avanzata è stata impedita da una feroce resistenza. Israele entrerebbe in guerra quando potrà garantire una vittoria decisiva; non accetterà niente di meno di quello. 

Entrò nella guerra di luglio partendo dal presupposto che sarebbe stata una replica dell’invasione del 1982, quando sfruttò il pretesto di un attentato all’ambasciatore israeliano a Londra per annientare l’OLP.  In effetti, Israele sconfisse il suo nemico in modo deciso e rapido, e l’OLP e il Movimento Nazionale Libanese furono in gran parte eliminati come minaccia militare per Israele, nonostante l’ascesa di un movimento di resistenza di sinistra e islamista nel primo anno. 

Nella guerra di luglio, al contrario, Israele è rimasto scioccato nel trovare una forza mai vista nella storia del conflitto. 

Questi nuovi combattenti della resistenza avevano un coraggio e un calibro diversi. Israele continuò nella guerra per 33 giorni finché il presidente americano George W. Bush si stufò e, presumibilmente, disse qualcosa del tipo: “Vi ho dato abbastanza tempo e avete fallito; Non posso fare di più.” 

2) Quando L’Iran ha reagito contro Israele lo scorso aprile per il bombardamento del suo consolato a Damasco, la debolezza militare di Israele è stata messa in luce: una notte di attacchi e Israele non ha potuto difendersi da solo. Ha chiesto l’assistenza militare o di intelligence di Stati Uniti, Gran Bretagna, Francia, Germania, Egitto, Giordania ed Emirati Arabi Uniti. In passato, le capacità militari di Israele erano tali che era sufficiente per difendersi e vincere contro tutti i suoi nemici senza alcun sostegno diretto da parte dell’Occidente.  Chiaramente non è più così.  

3) A causa del comportamento di Israele a Gaza, gli Stati Uniti non si fidano più della capacità di autodifesa o di offesa di Israele, soprattutto contro la potenza di Hezbollah. Un  Ex vice consigliere per la sicurezza nazionale di Israele prevedeva che Israele avrebbe perso contro Hezbollah in 24 ore. Ciò è abbastanza miracoloso nell’equilibrio di forza tra Libano e Israele. Tutta questa agitazione contro Hezbollah e le minacce quotidiane di guerra (nell’Arabia Saudita, negli Emirati Arabi Uniti e in alcuni media libanesi) sono il prodotto dell’incompetenza e della perplessità israeliana. 

4) Le continue minacce e intimidazioni attraverso i media occidentali e arabi sono un segno di debolezza, non di forza e anche di orizzonti limitati. Israele non può usare le minacce per segnalare veramente l’inizio di una guerra: è abituato ad attaccare senza preavviso. Esiste una legge dei rendimenti decrescenti che si applica a queste continue minacce quotidiane da parte di Israele contro il Libano. 

5) Si svilupperà all’interno dell’élite militare-intelligence israeliana una lobby incline a frenare qualsiasi propensione a lanciare un attacco al Libano. Israele non è una democrazia in tempo di pace e ancor meno in tempo di guerra. I leader dell’esercito e del Mossad, il servizio di intelligence nazionale, potrebbero prevalere su Netanyahu se volesse intraprendere un’avventura militare per il proprio futuro politico. La follia in Israele è solitamente pianificata.

6) Finora la prestazione di Hezbollah durante la guerra limitata è stata positiva ha superato le aspettative in molti modi. Uno è nella sua straordinaria mobilità e dinamismo, soprattutto nell’adattarsi agli sviluppi sul campo di battaglia. Confronta il numero di vittime del partito nei primi giorni e settimane di guerra con quello delle ultime settimane circa. Hezbollah ha affrontato le lacune dell'intelligence e della sicurezza e ha identificato le capacità di intelligence elettronica di Israele. Ha sviluppato metodi di schieramento e regole di ingaggio con la potenza di fuoco nemica.  

Il partito sccita ha anche fatto ricorso ad un approccio graduale nel rispondere o nella rappresaglia contro gli attacchi israeliani e ha sorpreso il suo nemico più di una volta. 

È anche significativo che Hezbollah abbia sviluppato la capacità di concentrarsi esclusivamente su obiettivi militari. Israele ha ucciso oltre 80 civili nel sud del Libano dal 7 ottobre, mentre Hezbollah ha ucciso solo un civile israeliano. Questo è un segno di forza, non di debolezza.

L’OLP, al contrario, non prese di mira deliberatamente i civili ma non era sufficientemente informata sul nemico per poter raggiungere i siti militari. Questo è qualcosa che richiede un lavoro molto deliberato e attento. Hezbollah ha raggiunto questa capacità nel corso di anni di esperienza e formazione. Israele sa anche che Hezbollah possiede armi di cui sa molto poco. 

7) La guerra psicologica di Hezbollah ha probabilmente influenzato l'umore dell'opinione pubblica in Israele e potrebbe svolgere un ruolo nel frenare l'avventurismo dei leader israeliani che minacciano la guerra. (Potrebbe anche avere un effetto negativo, nel senso che l’opinione pubblica israeliana potrebbe essere spaventata e indotta a volere una guerra nella speranza di porre fine alla minaccia di Hezbollah.)

Ma i leader israeliani sanno che non possono vincere una guerra così facilmente contro Hezbollah. Israele non è riuscito a vincere nemmeno contro Hamas. Hezbollah ha mostrato una straordinaria abilità nel condurre le sue operazioni di propaganda militare; i video sui social hanno spaventato il nemico.  

8) Se dovesse scoppiare una guerra su vasta scala, sarebbe una delle più grandi nella storia del conflitto arabo-israeliano e comporterebbe, sicuramente, una guerra regionale.  

Questo è ciò contro cui l’amministrazione americana ha messo in guardia Israele. Gli Stati Uniti sono ufficialmente informati  che l’Iran parteciperebbe ad una tale guerra, se questa iniziasse, e il calcolo costi-benefici potrebbe non favorire Israele. La portata e le dimensioni della guerra potrebbero infliggere a Israele il danno più grave dal 1948. 

Ricordiamo che i territori occupati da Israele nel 1948 non sono mai stati colpiti direttamente e strategicamente, nemmeno nelle principali guerre arabo-israeliane. 

Infine, non è possibile prevedere, in un modo o nell’altro, se inizierà una grande guerra o l’esito dei negoziati guidati da francesi o americani per raggiungere un cessate il fuoco al confine libanese-palestinese. È chiaro però che Israele sa che in Libano si trova ad affrontare un nemico come nessun altro.

Traduzione de l’AntiDiplomatico

*As`ad AbuKhalil è un professore libanese-americano di scienze politiche alla California State University, Stanislaus. È l'autore di Il Dizionario storico del Libano (1998) Bin Laden, L'Islam e la nuova guerra americana al terrorismo (2002) La battaglia per l'Arabia Saudita (2004) e ha gestito il popolare blog The Angry Arab.

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti