UE e Covid. Sulle ultime surreali dichiarazioni di Speranza

UE e Covid. Sulle ultime surreali dichiarazioni di Speranza

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

"E' innegabile che ci siano stati ritardi e alcuni errori nelle negoziazioni, e l'Ue ha scontato la propria debolezza nella produzione autonoma di vaccini, a cui si sta provando a porre rimedio. Ma una competizione a tutto campo, una guerra di tutti contro tutti avrebbe prodotto uno scenario disastroso. Fare meglio per me non significa fare da soli. E' una pericolosa illusione immaginare che l'Italia da sola senza l'Europa sarebbe stata più forte e avrebbe avuto una quantità maggiore di vaccini. E' vero esattamente il contrario”, così il ministro della Salute Roberto Speranza durante l’informativa sul piano vaccinale alla Camera. 

Certo che ci vuole un bel coraggio a lanciarsi in simili dichiarazioni stante il palese fallimento italiano ed europeo nella gestione della pandemia. 

Parole che oltretutto giungono il giorno successivo alla completa implosione del piano vaccinale europeo. Proprio ieri infatti il blocco europeo ha reso noto di voler puntare solo sui vaccini a mRNA prodotti da Pfizer e Moderna non rinnovando i contratti con aziende come AstraZeneca e Johnson&Johnson per i sieri contro la Covid-19. 

Tornando al ministro Speranza, della cui azione non riusciamo a ricordare altro che non fosse la proposta di sempre maggiori restrizioni e confinamenti dal sapore medievale, vorremmo chiedergli: ma dove sono questi benefici nell’aderire acriticamente alla strategia vaccinale europea?

“E' una pericolosa illusione immaginare che l'Italia da sola senza l'Europa sarebbe stata più forte e avrebbe avuto una quantità maggiore di vaccini”, afferma il ministro mentendo sapendo di mentire. 

Basta volgere lo sguardo verso paesi non troppo lontani come il Regno Unito e la Serbia. Senza l’Unione Europea avremmo potuto ottenere più vaccini? La risposta è sì, anche se Speranza si sforza di affermare il contrario. AIFA avrebbe potuto approvare lo Sputnik V sulla scia di quanto già fatto da oltre 85 paesi nel mondo. Avremmo potuto ottenere i vaccini di produzione cinese, cubana o indiana. 

Quindi quella di Speranza è solo bassa propaganda europeista. Evidentemente il pensiero del ministro della Salute coincide con quanto scriveva qualche anno fa l’attuale segretario dem Enrico Letta: “Morire per Maastricht”.  

Torniamo a ripetere quanto da un anno andiamo dicendo sino allo sfinimento: nella gestione di questa pandemia c’è molta politica e geopolitica, pochissima sanità.

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine di Marinella Mondaini 9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine

9 maggio. Cambiare la Storia è un crimine

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore” di Giuseppe Masala In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore”

In Etiopia arriva Feltman “il destabilizzatore”

Il vero "dividendo dell'euro" di Gilberto Trombetta Il vero "dividendo dell'euro"

Il vero "dividendo dell'euro"

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti