Black Friday in Venezuela: quando la realtà smentisce il mainstream

Black Friday in Venezuela: quando la realtà smentisce il mainstream

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Come sempre la realtà dei fatti si incarica di smentire le narrazioni fallaci del mainstream sul Venezuela. Il paese viene dipinto come in bancarotta, impoverito e schiacciato sotto il tallone di ferro di Maduro. Invece la realtà dei fatti ci racconta tutt’altro. 

Il Venezuela ha vissuto per il terzo anno consecutivo il Black Friday. Ci sono immagini eloquenti che mostrano lunghe file nei centri commerciali per acquistare prodotti diversi. Un chiaro segnale di ripresa economica. Nonostante i tanti problemi che affliggono un paese sotto assedio. 

In ogni caso, nonostante siamo nel bel pezzo di una pandemia e sia gravato da criminali sanzioni economico-finanziare, il Venezuela per tutto il 2021 è riuscito ad avviare una ripresa economica. E questo è divenuto evidente con le lunghe file che si sono formate nei centri commerciali per il cosiddetto Black Friday. A tal proposito il più gettonato è stato il Sambil nella capitale Caracas, dove le file si sono formate già dall’esterno della struttura commerciale. 

Molte persone hanno deciso di approfittare dei saldi, per acquistare elettrodomestici, vestiti e altri oggetti, viste le interessanti offerte, segnala Redradiove. Proprio come accade alle nostre latitudini ci sono state lamentele da parte degli utenti, i quali affermano che alcuni negozi hanno mantenuto invariati i prezzi o che non hanno visto alcuna offerta.

‘‘Quest’anno non ci sono stati sconti nei negozi. Rispetto allo scorso anno, la quantità di vestiti che potevo acquistare è stata notevolmente ridotta'', ha affermato un cittadino intervistato da El Pitazo.
Molti utenti sui social network sono rimasti sorpresi dal gran numero di persone nei negozi, che per lo più hanno formato lunghe file per acquistare calzature, cosa che non è molto difficile da spiegare poiché può essere il prodotto di più fattori, come il pagamento di bonus e altri benefici.

Oltre al compito di ripresa economica che il governo nazionale ha mantenuto, che durante la pandemia è diventato prioritario. Inoltre, i venezuelani sono caratterizzati dal cercare sempre metodi per superare il blocco e le sanzioni; quindi in vari modi riescono a potenziare il sistema produttivo.

Insomma, sembra proprio che gli sforzi del governo bolivariano per un recupero dell’economia e il superamento del blocco economico-commerciale stiano dando i suoi frutti. 

Il Venezuela è stato, ed è tutt’ora gravemente colpito dal blocco economico-finanziario e dalle sanzioni imposte dagli Stati Uniti, che hanno provocato grandi perdite economiche. Ma nonostante tutte queste avversità, il Paese e la popolazione hanno cercato un modo per andare avanti. 

Risulterà particolarmente sgradito in quel di Washington che proprio uno dei simboli del loro consumismo più sfrenato come il Black Friday segnali il fallimento delle loro criminali politiche di coercizione contro la Rivoluzione Bolivariana. 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO