I russi a Melitopol: “Siamo insieme! Siamo un popolo!”

I russi a Melitopol: “Siamo insieme! Siamo un popolo!”

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Eliseo Bertolasi da Melitopol

 

All’inizio dell’Operazione Militare Speciale (SVO), all’ordine del giorno la Russia non ha posto solo la questione, prioritaria, della liberazione delle due Repubbliche del Donbass: la Repubblica Popolare di Donetsk e la Repubblica Popolare di Lugansk, che da otto anni si trovano sotto il fuoco dell’esercito ucraino, ma anche la questione su come gestire le regioni meridionali al di fuori della DNR e LNR, che prima dell’arrivo dei russi erano parte integrante dell’Ucraina. 

Per la Russia, la penetrazione in questi territori, ha assunto subito un importante significato strategico, prima di tutto, per assicurare protezione alla Crimea, in secondo luogo, per riaprire il “Severo-Krymskij canal” il canale artificiale che partendo dal fiume Dnepr nell’oblast’ di Cherson ha sempre garantito un costantemente flusso di acqua dolce alla Crimea. 

Con l’annessione della Crimea alla Russia nel 2014, l’Ucraina bloccò immediatamente il “Severo-Krymskij canal” causando costanti problemi di approvvigionamento idrico a tutta la penisola.

Storicamente, questi territori facevano parte dell’Impero Russo già ai tempi di Caterina II, col nome di “Novorossija”. 
La maggior parte degli abitanti che vivono su queste terre, sono tuttora di etnia russa. Persone che semplicemente sono diventate “ucraine” solo in seguito al crollo dell’URSS quando il loro passaporto sovietico perse di validità e ricevettero un nuovo passaporto dal paese in cui vivevano. 

Con l’inizio dell’Operazione Speciale sul territorio di Melitopol non ci sono stati combattimenti significativi contro le formazioni militari ucraine, gli abitanti hanno accolto con calore i soldati russi. Melitopol è stata una delle prime città ucraine ad innalzare le bandiere russe. 
Oggi, infatti, nella piazza centrale della città sventola la bandiera russa, di fianco, sulle pareti degli edifici, sono già stati posti enormi poster che raffigurano il Giorno della Vittoria e l’eterno ricordo della Grande Guerra Patriottica.

Il 14 luglio 2022, Evghenij Balitskij, capo dell’amministrazione militare-civile della regione nel corso di una conferenza stampa ha spiegato quali saranno le prospettive dell’oblast’ di Zaporozhje: 
“Non ci sarà una riunificazione a parte con la Crimea. La riunificazione avverrà con la Federazione Russa, Melitopol ne sarà un soggetto (federativo ndr)”.
Balitskij ha riferito che in autunno si terrà un referendum. La questione dell’adesione alla Federazione Russa sarà specificata in modo chiaro sulle schede referendarie.
Il capo dell’amministrazione civile-militare ha chiarito che la Russia ha già iniziato a pagare gli stipendi a tutti i dipendenti pubblici della regione. 

Nella sua analisi sulla situazione attuale Balitskij non ha lesinato i dettagli storici:
“Il fatto che oggi ci siano un gran numero di porti ci ricorda la storia, la storia da dove siamo arrivati, di chi ha versato sangue e denaro per formare questi territori… Tutto questo è stato realizzato dall’impero russo, dagli zar. E la tappa principale fu nel 1784, anno in cui fu costituita la città di Melitopol, durante lo sviluppo del governatorato della Tauride dal Principe Pototsky e dall’Imperatrice Caterina. 
Ricordiamo la Grande Guerra Patriottica, i nostri Eroi e vogliamo che i nostri figli conoscano e ricordino la storia. 
Sapete! Dopo aver analizzato i combattimenti nel Donbass, abbiamo visto una cosa paradossale: i crimini più brutali, più terribili, sono commessi da giovani dai 21 ai 25 anni. Questo è esattamente il lasso di tempo in cui nel 2014 loro avevano 14-15 anni. Cosa li ha resi così? La scuola, gli insegnanti, l’ideologia che si è insinuata nella mente di questi giovani. Questi giovani hanno commesso crimini terribili nel Donbass, ucciso soldati e civili... Un’altra vita, un’altra cultura, un’altra storia, altri valori morali sono stati martellati nelle loro teste”.

Rispondendo ad una domanda riguardo ai rischi e alle ritorsioni che lui stesso potrebbe subire da parte dell’Ucraina avendo assunto tale incarico, Evghenij Balitskij ha semplicemente risposto: “Se non sei pronto a dare la vita per le tue azioni, allora non iniziarle nemmeno”.

Riguardo al futuro della regione di Zaporozhje, come riportato in maiuscolo anche sulla prima pagina della prima edizione del giornale locale “Zaporozhje Vestnik”, lo stesso Vladimir Putin ha dichiarato: “Solo dalle persone che là vivono dipenderà il loro futuro. E noi rispetteremo ogni loro scelta”.

Nel frattempo gli abitanti si affrettano a richiedere il passaporto russo, in fila, ogni giorno, davanti ai 33 punti di rilascio dei passaporti russi, in attesa del proprio turno per poter compilare i documenti previsti. 
Sempre negli stessi punti si svolgono le cerimonie per la consegna dei nuovi passaporti. Ogni giorno ne vengono rilasciati 20 – 30. Quando i neo “cittadini russi” ricevono il nuovo passaporto, dopo aver letto la formula di fedeltà alla Federazione Russa vengono omaggiati di un opuscolo che riporta la Costituzione russa, infine a conclusione della cerimonia, letteralmente con le lacrime agli occhi dalla commozione, ascoltano e cantano l’inno della Federazione Russa. 

Si rendono conto che inizia una nuova vita. Il periodo della russofobia, del regime ucraino e del nazismo, che ha gravato sulle loro vite, in particolare, almeno dal colpo di stato del 2014 è finito, ed è già alle spalle. Molti riferiscono che aspettavano questo momento da molto tempo.

Le attività lavorative e produttive della regione sono a pieno regime.
Negli sconfinati campi di frumento è iniziato il lavoro di mietitura. Questo grano viene caricato sui camion e inviato al magazzino di stoccaggio “Melitopol Elevator”. Da lì, come riferito dal responsabile della struttura, il grano sarà utilizzato sia per il consumo locale, che per l’esportazione verso paesi come l’India, la Cina.. verso i paesi “amici” della Federazione Russa. 
Anche la fabbrica “Avtotraktornyj Zapchasti” non si è mai fermata, ora vi lavorano circa 320 operai. Oltre ai lavori di fonditura produce pezzi di ricambio in metallo per automobili. 

Insomma pare che la vita stia scorrendo normalmente: tranquillamente si vive si lavora, e si guarda con ottimismo verso il futuro.  

Non dobbiamo mai dimenticare che, come si legge anche su molti manifesti appesi negli angoli delle strade: “La Russia non abbandona i suoi”. Può essere una questione di tempo, può essere una questione di dover aspettare le condizioni propizie per poterlo fare, ma la Russia è una Madre-Patria che ama i suoi figli e che come Madre non li abbandonerà mai.

 

(foto di Eliseo Bertolasi)

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra