/ Una miriade di problemi affondano il programma F-35 degli USA

Una miriade di problemi affondano il programma F-35 degli USA

 
 

Conosciuto per i suoi costi in ascesa continua e battute d'arresto tecniche che inducono mal di testa, il programma F-35 degli Stati Uniti sembra essere ancora intricato, specialmente quando l'aereo sviluppato da Lockheed Martin continua ad affrontare con una serie di problemi seri.

 

Documenti recentemente ottenuti da Defense News rivelano che l'F-35 Lightning II Joint Strike Fighter è turbato da oltre una dozzina di questioni che potrebbero mettere a rischio la vita dei piloti o mettere a repentaglio una missione.

 

Il rapporto rivela che mentre l'aereo F-35 è entrato in test operativi nell'autunno del 2018, lo ha fatto con almeno 13 problemi che sono stati considerati carenze di categoria 1, che sono descritti come potenzialmente causa di morte, lesioni gravi o malattia, perdita o danni all'aeromobile o che limitano in modo critico la capacità del pilota di essere pronto per il combattimento, tra le altre carenze.

 

Tali carenze includono: picchi di pressione in cabina che danno ai piloti dolore all'orecchio e sinusite, volo supersonico superiore a Mach 1.2 causa danni strutturali alle varianti F-35B e F-35C, modalità di ricerca in mare del velivolo F-35 che illumina solo una porzione della telecamera di superficie e di visione notturna del mare rende difficile per i piloti vedere l'orizzonte o atterrare su portaerei.

 

Notevoli anche i problemi del jet da combattimento con il freddo. "In condizioni molto fredde - definite pari o vicine a meno 30 gradi Fahrenheit - l'F-35 riferirà erroneamente che una delle sue batterie è fuori uso, a volte interrompendo le missioni", si legge nel rapporto.

 

Il problema della batteria a basse temperature è sorto a febbraio 2018, quando diversi jet F-35 stavano effettuando voli dalla base aerea di Eielson in Alaska. Il rapporto di Defence News afferma che i funzionari hanno scoperto che il problema era "il risultato di un freddo estremo che entrava nell'aereo quando le porte del carrello del naso del jet erano aperte".

 

I funzionari dicono che il freddo ha effettivamente sopraffatto la coperta del riscaldatore della batteria, che non è stato in grado di continuare a riscaldare la batteria da 28 volt dell'aereo alla velocità desiderata.

Anche se la batteria stessa non si è mai spenta, l'incapacità del dispositivo di funzionare alla massima potenza ha infine attivato il sistema dell'aereo per inviare un avvertimento al pilota.

 

Sebbene Greg Ulmer, vice presidente della divisione di produzione di aerei F-35 della Lockheed, abbia dichiarato a Military.com che è già stato rilasciato un aggiornamento software per risolvere la questione del freddo, lo stesso non si può dire per tutti i problemi affrontati dal programma.

 

Il vice amministratore Mat Winter, dirigente del programma F-35 del Pentagono, ha dichiarato a Defense News che otto delle carenze di categoria 1 dovrebbero rimanere quando l'aeromobile entrerà in produzione a pieno regime.

 

Oltre alle 13 carenze elencate, i funzionari del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti hanno individuato altri quattro problemi di categoria 1 collegati alle interfacce delle armi. Tuttavia, secondo Winter, i problemi sono "non catastrofici".

 

"Se lo fossero, avremmo dovuto interrompere i test. Non c'è niente del genere", ha detto il funzionario a Defense News. "Saranno semplici correzioni del software, dobbiamo solo arrivare a loro".

 

Quando si tratta di costi, Winter ha dichiarato alla rivista che sono stati presi provvedimenti per assicurarsi che i prezzi possano essere ridotti al minimo possibile. 

 

Quest'ultimo rapporto del programma F-35 degli Stati Uniti arriva quando Ryan Pickrell di Business Insider ha definito il programma il peggior progetto di armamenti al quale stanno lavorando attualmente le forze armate statunitensi. 

Fonte: Sputnik
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa