L’ombra della NATO si allunga minacciosa anche sull’America Latina

L’ombra della NATO si allunga minacciosa anche sull’America Latina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L’ombra della NATO si allunga minacciosa anche sull’America Latina. Dal 2018 infatti la Colombia è entrata a far parte dell’alleanza del nordatlantico in qualità di ‘partner globale’, titolo riservato a quei paesi che secondo lo statuto del blocco occidentale non possono aderire come membri effettivi. 

La categoria di "partner globale" è stata utilizzata per avvicinare all’alleanza paesi come Afghanistan, Australia, Iraq, Giappone, Corea del Sud, Mongolia, Nuova Zelanda, Pakistan e Colombia, l'unico stato latinoamericano alleato con la NATO. 

Perché la NATO è interessata all’espansione in America Latina? Tramite la Colombia il blocco nordatlantico può agire sulle frontiere colombiane di Venezuela, Brasile, Ecuador e Panama; oltre ad aprirsi le strade per interventi e manovre sugli oceani Pacifico e Atlantico. 

Inoltre secondo l’analista argentino Alberto Hustchenreuter, la condizione di "partner globale" ha permesso al governo colombiano di poter ottenere «più informazioni strategiche» da parte delle potenze del nord, rafforzando nel contempo la formazione e il «prestigio» delle sue forze armate, che possono partecipare alle missioni militari del blocco in altri paesi.

La Colombia è, finora, l'unico paese latinoamericano che ha aderito alla NATO. Nel 2019, la Casa Bianca, ancora sotto l'amministrazione di Donald Trump, aveva cercato di avvicinare il Brasile al blocco, con Jair Bolsonaro al potere. Alla fine, il gigante sudamericano è rimasto nella categoria di ‘importante alleato non-NATO’, una designazione non ufficiale del blocco ma riconosciuta dagli Stati Uniti.

In questa lista c'è anche l'Argentina, che ha firmato un accordo con gli Stati Uniti nel 1998, quando Carlos Menem (1989-1999) era presidente dell'Argentina. Menem ha fatto un tentativo di essere incorporato come "membro associato" nel 1999, ma la domanda è stata respinta dalla NATO.

La NATO «si sta proiettando in America Latina con la Colombia come pedina» e «intende conquistare il mondo estendendosi ulteriormente nell'Europa orientale». 

Questo è quanto affermato dal ministro della Difesa venezuelano, il generale Vladimir Padrino López. 

Attraverso il suo account sul social network Twitter, il dirigente bolivariano ha denunciato la «presenza sempre più determinata di mezzi militari e navali nella nostra area di influenza». 

La NATO risulta essere molto attiva anche in questo quadrante perché intenzionata a contrastare l’influenza crescente di paesi come Russia e Cina. 

Proprio la Russia starebbe riflettendo con i suoi alleati nella regione se schierare truppe e attrezzature militari come risposta alle attività del blocco nordatlantico ai confini con la Russia in Europa orientale e per aumentare la sicurezza di paesi nel mirino di Washington come Cuba e Venezuela. 

 

Fabrizio Verde

Fabrizio Verde

Direttore de l'AntiDiplomatico. Napoletano classe '80

Giornalista di stretta osservanza maradoniana

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Vladimir Putin concede la cittadinanza russa a Edward Snowden di Marinella Mondaini Vladimir Putin concede la cittadinanza russa a Edward Snowden

Vladimir Putin concede la cittadinanza russa a Edward Snowden

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Il "nuovo" governo dei migliori e il vincolo esterno di Gilberto Trombetta Il "nuovo" governo dei migliori e il vincolo esterno

Il "nuovo" governo dei migliori e il vincolo esterno

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra